Partner con disturbi della personalità

Buonasera, sono qui per parlare della situazione psicologica del mio partner.
Da un po’ sospetto che abbia un disturbo della personalità.
Inizialmente sembrava essere una persona tranquilla, conosciuta da tutti in paese e ben voluta, ma dopo alcuni di mesi di frequentazione ho assistito ad episodi di irascibilità esagerata ed ho iniziato a preoccuparmi.
Ha esattamente gli atteggiamenti di un bambino capriccioso, ha costantemente bisogno di attenzioni e se non le ottiene fa i capricci.
Porta avanti i propri pensieri anche se sbagliati, è impossibile farlo ragionare, è testardo anche di fronte all’evidenza.
Tenta di manipolare le persone e quando si sente messo alle strette fa delle promesse che poi non mantiene mai, ricominciando a comportarsi come di solito.
Credo che non sia mai stato educato a dovere, forse hanno sbagliato ad assecondare i suoi scatti di ira sin da piccolo, dandogli ciò che voleva per non farlo arrabbiare.
È stato abbandonato da sua madre e dopo alcuni anni è venuta a mancare.
Al momento vive senza regole, non mangia sempre nella stessa casa, tende ad indossare abiti non suoi, non ha una buona igiene personale ma sembra non dare importanza a tutto questo.
Non ha voglia di lavorare, si accontenta di un piccolo stipendio ma non fa nulla per mettersi alla ricerca di altro perché dice di non saper fare nessun mestiere.
Nell’ultimo periodo sta litigando con tutti, anche con la propria famiglia e sta rimanendo da solo.
Ho provato ad aiutarlo ma credo di non poterci riuscire, è difficile convincerlo di aver bisogno di un aiuto psicologico, non ci andrebbe mai.
A causa del mio lavoro non ho molto tempo libero durante il giorno e lui mi accusa continuamente di non dedicargli del tempo, senza capire la mia stanchezza, sembra che voglia quasi che io lasci il lavoro per stare con lui.
Inoltre soffre di acquisti compulsivi e quando non ha più denaro lo chiede in prestito alla propria famiglia.
Non so più cosa fare, per favore, ho bisogno di un parere professionale perché così non se ne può più.

Grazie mille
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 17.9k 584 67
Gentile utente,

abbiamo letto con attenzione il Suo punto di vista sul ragazzo,
riassunto nel titolo che riassume in modo piuttosto significativo il Suo modo di percepirlo.
C'è in lui qualche aspetto positivo - o qualche ragione - che La tiene legata a lui, non menzionato nel consulto? Perchè altrimenti non se ne comprende il motivo.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta, Sessuologa clinica, Psicologa europea.
https://www.centrobrunialtipsy.it/

[#2]
Utente
Utente
Buonasera, sono legata a lui perché in passato si è mostrato diverso, forse ha camuffato la sua vera natura. Secondo voi è possibile aiutarlo per correggere questi comportamenti o non c’è nulla da fare? Grazie per la risposta
[#3]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 17.9k 584 67
"... correggere questi comportamenti .."

Occorrerebbe capire se sono legati a delle difficoltà personali attuali, e in questo caso stimolarlo a farsi aiutare.

Tenga conto che solamente la persona è in grado di cambiare se stessa, se lo decide;
chi sta vicino può fornire l'energia del cambiamento, ma solo se viene richiesta e accettata.

Saluti cordiali.
dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta, Sessuologa clinica, Psicologa europea.
https://www.centrobrunialtipsy.it/