Utente 303XXX
E' da marzo che soffro di attacchi di panico. Dopo due mesi di visite, esami e test vari questa è stata la diagnosi. Ho cercato di analizzare il motivo di questi miei attacchi e sono arrivata alla conclusione che sono dovuti ad un evento traumatico accaduto ad un amico. Praticamente è deceduto per "rottura del cuore" ed io sono stata la prima a soccorrerlo ed ero presente durante la rianimazione. Devo ammettere che la cosa mi ha profondamente toccato e forse ha risvegliato in me il problema della morte. Io non sono credente e di conseguenza la cosa mi crea ancora più problemi. Sta di fatto che dopo gli sforzi di autoanalisi fatti per un mesetto sono stata bene. Settimana scorsa è morto un altro amico, un incidente in moto. Oggi primo attacco di panico: mancanza d'aria, vertigini, forte dolore alla tempia destra, lato destro del viso intorpidito. Ho paura che l'analizzarmi da sola e l'essere razionale stavolta non basti. Cosa mi consigliate?

[#1] dopo  
2606

Cancellato nel 2010
In Medicina Olistica e in Psichiatria Olistica vi sono rimedi per condizioni di questo tipo, basti pensare al "mentale" di un rimedio della Medicina Omeopatica come Aconitum napellus o la stessa Arnica montana alle altissime diluizioni. Per cui suggerirei di affrontare la situazione comunque avvalendosi di uno specialista.
Cordiali saluti
Paolo Roberti

[#2] dopo  
Dr. Giorgio Chiummo

24% attività
0% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Ritengo possa esserle d'aiuto la terapia con l'ipnosi, poichè la sua è una sintomatologia che ha chiare origini e buone possibilità di guarigione.
Auguri

[#3] dopo  
2377

Cancellato nel 2006
Il suo mi pare un caso abbastanza "classico", sia per quanto riguarda la sintomatologia che le cause. Ritengo utile rivolgersi il più presto possibile (per interrompere il "circolo vizioso" ansia-sintomi somatici-ansia) ad un medico psichiatra, che potrà prescriverle la terapia farmacologica adatta (ad esempio un ansiolitico come alprazolam ed un antidepressivo "serotoninergico") al dosaggio adeguato. Utile anche una psicoterapia breve ad indirizzo cognitivo.

[#4] dopo  
Dr. Gaspare Palmieri

24% attività
0% attualità
0% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Mi associo al parere dei colleghi consigliandole di rivolgersi a uno psicoterapeuta.
Dr Palmieri
Gaspare Palmieri