Utente 487XXX
Egr. dott.ri.
da alcuni mesi registro qualche problema.
Due anni fa ho subito una prostatectomia radicale e successiva radioterapia locale (33 sedute aprile 2008)
dopo aver superato brillantemente i postumi dell'intervento e della radioterapia da circa sei mesi ho dei dolori nell'area del retto.
I dolori sono simili a quelli di natura emmorroidale e pertanto ho pensato di utilizzare la pomata Ruscoroid e Daflon 500 capsule.
Faccio presente che sin da giovane ho sempre avuto qualche problema con le emorroidi interne e pertanto non mi sono preoccupato.
Devo però far notare che tali dolori, in questo periodo, si manifestano durante le fasi del rapporto sessuale. I dolori diventano piuttosto acuti
durante le fasi preliminari e poi permangono per almeno un paio di giorni. Rietenete che le mie sofferenze siano dovute alle emorroidi interne?
Se ciò non fosse, esiste una causa diversa?
Grazie per la vostra disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

mi sembra che l'ipotesi di causa da lei ventilato, alla luce della semplice ma chiara esposizione da lei fatta della sua situazione clinca, sia quella più probabile.

Il Psa e le altre indagini di controllo post-prostatectomia e radioterapia come sono?

A questo punto comunque indirizzo il suo quesito anche in area "Radioterapia".

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Concordo con il collega.

Potrebbe essere una sindome emmorroidaria periodica causata dallo stress ipertensivo dei rapporti oppure una proctite tardiva da raggi. In ogni caso un esame obiettivo clinico ed eventuali altri indagini strumentali (ano-retto-scopia, se utile) possono valutare meglio il quadro ed indirizzare verso una terapia più specifica(antinfiammatori per uso topico o generalizzato, etc).

Ne parli dettagliatamente con gli specialisti che la seguono.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),