Utente 304XXX
Buonasera, in data 28 settembre mia madre di 57 anni è stata operata nella parte fronto-parietale sinistra con la diagnosi di glioblastoma con Gene metilato e IDH1 non mutato. In data 08 novembre ha iniziato i 30 cicli di radioterapia/temodal. Il piano terapeutico è così strutturato: antiemetico, temodal da 100, cortisone da 25. Sin dal primo giorno è stata male e ha cominciato mannitolo che ha fatto per 9 gg da 500, per 2 gg da 250 per poi sospenderglielo. Si era ipotizzato che non avesse abbastanza keppra nel sangue ma facendo l'esame specifico è risultato essere un valore ottimale. Nel frattempo la neurologa le ha aggiunto il Vimpat sa prendere insieme al Keppra 2500 e il frsium. Nonostante ciò da circa 5 gg mia madre ha ogni 12 minuti crisi focali.... Durante la giornata le crisi arrivano ad essere quasi 80....oggi le è stata aumentata la dose di cortisone ad 8(soldesam al posto di deltacortene ). Ho bisogno di un parere di medici che conoscano il Glioblastoma e l'andamento del paziente che ne è affetto. Spero di essere stata chiara, per ulteriori domande che aiutino a capire meglio la situazione vi prego di scrivermi. Grazie Dottori... Siete degli angeli.

[#1]  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Carissima,
mi pare che la paziente sia seguita al meglio con tutti i presidi terapeutici e le attenzioni che avrebbe in altri centri specializzati. Purtroppo a distanza e in assenza dei dati clinici del paziente in visita è impossibile aggiungere altro.

Cari Saluti
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Utente 304XXX

Gentilissimo Professore lei è uno dei migliori, saremmo dovuti venire a Negrar poi abbiamo scelto Borgo Trento per la presenza di una Dottoressa che si occupa di tumori cerebrali di grande esperienza. Quello che io vorrei sapere è se tutto ciò sia comunque legato all'edema creato dalla radioterapia.