Utente 162XXX
inizio,ringraziando sia i medici che i prof.che ci aiutano in questo forum,nonostante i loro numerosi impegni professionali.Vi sarei grato se mi aiutaste a risolvere alcuni miei dubbi,dettati dalla mia ignoranza in materia,ma che comunque sento di chiedere considerata la situazione che affligge non solo mio padre ma tutta la famiglia.74 anni fumatore 35-40 buon bevitore,inizio zoppia molto graduale nel tempo (circa tre mesi),dell'arto dx,con asimmetria della bocca lato sx 10/2008,ricovero,applicazione stent carotideo,polmonite da stafilococco.diagnosi alla dimissione : emisindrome sensitivi motoria facio-brachio crurale in paziente con encefalopatia vascolare ischemica cronica di possibile origine tossica/metabolica,più polineuropatia sensitiva motoria assonale di possibile natura carenziale.dopo circa due mesi peggioramento dolori estesi arti inf.ormai ipotonici,esami eseguiti:HCV,HBV,HIV,sifilide,elicobatter pilori,ANA,PARATORMONE PTH,C3-C4,LAC LUPUS tutti negativi(ves,pcr,fibrinogeno sempre sopra la norma).anticorpi anti-ganglioside GM1-ANTI-GM1 (IgM) 34,6 val.norm. 0.0-25.0 elisa.biopsia nervo surale normale,dosaggio antinervo positivo anti GMA.anticorpi anti-cervelletto:anti-antififisina debolmente positivo,antiPNMA 2 debolm.pos. border line,anti-Ri debolm.pos. anti Yo negativo anti-Hu neg.acido folico B12 urine nella norma.dati recenti dopo sospetta sclerodermia circa 2 mesi:Rnp/sm negativo,SSA positivo,SSB neg.SM NEG. SCL 70 neg. JO 1 neg. NUCLEOSOMI neg. ISTONI neg. anticentromero ACA normale,antinucleo IgG neg.anti DNA nativo IgG neg.anti citoplasma neutrofili -Pr3-MPO inferiori,anti cardiolipina IgG anti glicoproteina B2 IgG nella norma,anticardiolipina IgM 11,0 valori rif. <10 >11,9 antiB2 glicoproteina IgM 7,2 valori rif. <5 >6,9,VES 30 PCR 2,1.Videocapillaroscopia mani,laser doppler mani,rx,il tutto è stato cosi sintetizzato:non c'è una patologia autoimmune ,encefalopatia-vasculopatia= fumo e alcool,polineuropatia =alcool,dita mani gonfie rigide deformate doloranti con cambiamenti di colore repentinei= alcool, fumo, artrosi, .I miei dubbi sono i seguenti:SSA,VES PCR fibrinogeno,e bruciore da mesi agli occhi.considerando che da 40 giorni prende deltacortese 25mg con inizio a scalare,avendo notato miglioramento del dolore degli arti inferiori,le dita si sono decisamente sgonfiate e ammorbidite,non vorrei che dopo il cortisone,il tutto riinizi magari trattandosi invece di qualche infiammazione "scaturita chi sa da cosa".vi sarei grato di una vostra interpretazione o conferma o se fosse il caso di fare ulteriori indagini.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

Le posso rispondere per quanto riguarda la parte neurologica. Le consiglio una visita neurologica ed un approfondimento diagnostico con RM encefalica e della colonna cervicale e lombare, EMG ai 4 arti (se non eseguite recentemente). Inoltre sarebbe opportuno un controllo periodico della pressione arteriosa, della glicemia e del colesterolo. Potrebbe dirmi quale terapia sta effettuando?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 162XXX

Egregio dottore,nonostante io avessi letto la sua risposta già da ieri le rispondo ora poichè proprio oggi avevamo una visita con un neurologo.la terapia attuale è: cardioaspirina,lansoprazolo 30mg.e deltacortene 12,5 mg.Dopo la visita di oggi, il medico ha aggiunto lo xeristar.in più ci ha consigliato una nuova TC total bodY tra tre mesi.per quanto riguarda la R.M. encefalica,della colonna cervicale e lombare,sono state durante i ricoveri eseguite,cosi come l'EMG agli arti(il tutto 10 mesi fa).da quello che mi sembra aver percepito dai discorsi che i due medici si sono fatti,è che considerando le lievi o positività di alcuni esami fatti durante il ricovero tipo: Cyfra21.1 4,44; NSE 32.43;dosaggio anticorpo antinervo positivo GMA; SSA positivo;anti-anfifisina debolmente;anti PNMA2 debolmente Borderline;Ant-Ri debolmente pos,si risospetta un tumore.Una domanda che mi pongo da mesi:quanto ancora dovremmo aspettare per una diagnosi bella o brutta che sia,dopo tutto quello che già è stato fatto? mi farebbe molto piacere se anche lei volesse leggere le varie TC e RMN eseguite.La ringrazio cordialmente e la saluto.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se mi scrive i referti, li leggo volentieri.
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 162XXX

La ringrazio immensamente dell'interessamento Dottore.Inizio RM encefalo con e senza MDC (09.10.08 primo ricovero):Dalle sequenze ad alto coefficiente di diffusione non si apprezzano restrizioni della diffusità compatibili con lesioni ischemiche di recente insorgenza.si segnala la presenza di puntiformi aree di alterato segnale iperintense nelle sequenze T2 e T2 FLAIR,localizzate a livello della sostanza bianca preventricolare biemisferica,da mettere in relazione a focolai gliotici di natura microcircolatoria ischemica di tipo cronico.non si apprezzano potensiamenti patologici dopo MDC. EMG:Anomalie delle conduzioni sensitive caratterizzate da severa riduzione di ampiezza dei SAP registrati ai 4 arti. Quadro neurofisiologico indicativo di polineuropatia sensitiva assonale.RX torace:nella norma eccetto riscontro di quadro bronchitico-enfisematico diffuso.Ateromasia calcifica dell'arco aortico.Applicazione stent carotideo.Secondo ricovero in altra struttura ospedaliera(14.05.09):RM encefalo con DWI:esame eseguito in condizioni basali con le sole immagini assiali T1,T2 e FLAIR;per quanto possibile analizzare(scarza collaborazione del paziente)si documenta in corrispondenza del tronco del corpo calloso una area ovalare iperintensa in T2,tenuamente ipointensa in T1 con lieve effetto massa.il sistema vntricolare è in asse,modicamente ampliato.sono presenti alcune foci iper in T2 nella sostanza bianca profonda del centro semiovale e della corona radiata bilaterale con prevalenza sinistra di riferimento vascolare cronico.ampliamento degli spazi e soprattutto delle cisterne insulari e interpeducolare.l'insieme dei dati lascia supporre una sofferenza vascolare cronica con atrofia corticale specie temporale.l'area di alterato segnale del tronco del corpo calloso può essere espressione di sofferenza tossico/metabolica (marchiafava).utile completare lo studio con esame di diffusione e con immagini turbo T2 coronali.RM colonna in toto:Sono state acquisite immagini T1 che T2 pesate secondo i piani sagittali,immagine T2 pesate secondo piani assiali e dopo contrasto immagini T1 anche con tecnica di soppressione del segnale del tessuto adiposo.Per quanto valutabile in posizione supina si evidenzia reittilineizzazione del rachide cervicale con presenza di discopatie degenerative del tratto compreso tra C3 e C7 ed impronte discali sullo spazio subaracnoideo perimidollare anteriore;il reperto è maggiormente evidente a livello del disco intersomatico C5-C6,che appare ridotto in altezza ed a tale livello concomita restringimento di entrambi i forami di coniugazione.A livello D8-D9 si evidenzia un'ulteriore impronta discale sullo spazio subaracnoideo perimidollare anteriore.Assenza di aree di alterata intensità di segnale e di potenziamenti patologici a carico del midollo spinale;cono terminale normale e in sede.Protusioni discali di moderata entità dei dischi intersomatici del tratto vertebrale compreso tra L2 ed S1.A livello L2-L3 si evidenziano marcate manifestazioni degenerative del disco intersomatico,nettamente ridotto in altezza e parzialmente iperintenso in T2 e T1 sul versante di sinistra dove si associa alterazioni di segnale della spongiosa subcondrale delle limitanti somatiche contrapposte L2 L3 caratterizzata da iso-ipointensità in T1,iperintensità in T2 e potensiamento delle immagini T1 post-contrastografiche,reperto referibile in prima ipotesi a presenza di modificazioni degenerative secondarie alla discopatia cronica (scogliosi destro convessa con fulcro L2-L3.più circoscritte alterazioni degenerative somatiche si evidenziano in L4-L5 a destra ed in L5-S1 a sinistra. TC Total Body senza e con MDC non ionico:Torace:segni di enfisema parasettale. aspetti bronchiectasici tubulari,alcuni dei quali ripieni di muco in corrispondenza della piramide basale dei lobi inferiori.strie fibrosclerotiche in sede basale desta.millimetrico nodulo con groud-glass si osserva nel segmento apicodorsale del lobo superiore sinistro,in prossimità della scissura,non versamento pleurico ne pericardico.linfonodi delle dimensioni massime di 2 cm in sede sovraclaveare bilaterale,prevascolare,paratracheale,precarenale,nella finestra aorto-polmonare,paraortica ed ilare bilaterale.si segnala trombosi della vena giugulare destra.ADDOME e PELVI:fegato di dimensione nei limiti,a margini regolari,senza alterazioni diffuse o focolai della densità parenchimale.vena porta pervia e di calibro normale,non dilatate le vie biliari intra ed extra-epatiche.non aspetti patologici a carico delle colecisti, del pancreas della milza e dei surreni.Reni in sede,normali per dimansione,morfologia e spessore parenchimale cortico midollare.regolare concentrazione del mdc.non dilatazione delle vie escretrici.si srgnalano cisti renali displasiche bilaterali.non aspetti patologici a carico degli organi pelvici.assenza di versamento endoaddominale.prostata di dimensioni aumentate (DT 50 mm),a densità disomogenea.linfonodi delle dimensioni massime di un centimetro in sede retrocrurale,paraortica,interaortocavale,iliaca bilaterale ed inguinale.EEG:alterazioni elettriche di grado modesto di tipo aspecifico in sede fronto-temporale bilaterale,tendenti alla diffusione,in tracciato di base lievemente rallentato.Interventi eseguiti in passato timpanoplastica 20 anni fa;ernia inguinale,polipectomia vescicale 6 anni fa;ernia discale L4 L5 15 anni fa.Grazie e buonagiornata Dottore.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ho letto attentamente i referti che Lei ha postato. Purtroppo la complessità del quadro e la non visione diretta del paziente non mi consentono, on line, di darLe un parere attendibile. Si affidi ai medici che conoscono bene il caso di Suo padre. Da parte mia sono dispiaciuto di non poterLe dare un aiuto, anche se telematico.
Le invio gli auguri più sinceri per una positiva soluzione dei problemi di papà.

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 162XXX

Egregio Dottore,La ringrazio infinitamente del suo interesse prestato,sarebbe stato sicuramente utile una sua visita a mio padre,ma purtroppo la difficile trasportabilità di mio padre da Roma a Messina non credo possa permetterci un ulteriore approfondimento.Considerando l'attesa tra 3 mesi di una nuova RMN,le chiedo se possibile per una maggiore completezza nella diagnosi futura, solo un ultimo consiglio,se può.Con gli esami ematochimici sicuramente parziali,sopra riportati,è il caso che approfondisco più il lato immunologico,oncologico o entrambi?Grazie di tutto.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

Le consiglio di approfondire in entrambi i campi, magari, se possibile, con un ricovero ospedaliero per sveltire le indagini e non sottoporre papà a frequenti spostamenti per le visite e gli esami. Se posso esserLe utile per qualche notizia, non mi risparmi.

Auguri ancora
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 162XXX

Per il momento la ringrazio ancora dei consigli, se ci saranno delle novità, magari la disturberò di nuovo.