Utente 174XXX
Gentilissimo dott. se non disturbo. le potrei chiedere alcune delucidazioni nel 1996.in seguito ad dolori ai polsi alle caviglie dolori dovuti ad un forte calore che avevo alle mani e ai piedi. da impazzire . il mio medico mi indirizzo in un centro medico di immunologia,a Roma dove viene studiata la s syogren . io le immetto gli esami che effettuai al l’epoca, il 5/11/96 visita oculistica. un visus coretto in ambo gli occhi 10/10 ,gli esami qualitativi e quantitativi del f--- lacrimale sono alterati (test schirmer ) od 6 mm/5 os 7mm/5 but 00 3: la cornea non mostra segni di sofferenza da ipocusione, e presente una secrezione mucosa schiumosa ( blero congiuntivite cronica? ) ,la tensione endooculare è normale. All’esame del fondo oculare si osservano papille rose a margini netti ,distrofia maculare. Vasi arteriosi di calibro ridotto congestione e tortuosità dei vasi venosi , inversione altero venoso patologia ( retinopatia ipertensiva di 2 grado) . 20/5/97 . presenta rispetto a precedente controllo un lieve peggioramento test schirmer oc 00 od os 3mm/5, but 3’’ il fondo oculare invariato . 28/11/96 ricerca anticorpi ifi suhe p2 +( cgp) dna nativo negativo. 2/4/97 . + (0 ) ana, il 31 /10/1996 biopsia ghiandole salivari minori esame istologico frammenti di ghiandola salivare di tipo misto con focale atrofia dei lobuli non diagnosi fluoro angiografia retinica od negativo os distrofia maculare ( ma io la stessa visione distorta la vedo con tutti e due gli occhi). Cura bisolvon cp 3 volte al di 15 giorni al mese. Saliva artificiali lacrime art. . in seguito al persistere della patologia dolorosa iniziavo cura con diaminocilina (benzilpenicilina retinica) unita 1200.000, , una ogni dieci giorni, con episodi dolorosi diradati .sopportabili. da non confondere con doloro erniari . pero da qualche mese questo farmaco e stato tolto dal servizio sanitario e viene distribuito in confezioni preparate alla modica somma di euro 25 l’una non potendola comperare . ovviamente sono ritornato come prima con nuovi sintomi che non so se possono dipendere da cosa. Candidosi orale con bruciore tipo ingoiare del peperoncino. Che scende nella gola e nella trachea fin nello stomaco, sono diversi dai bruciori gastrici, ( risolto la notte con un panno di cotone umido stesso sul viso in modo che mantenga umida l’ aria che respiro ed umidi gli occhi) prendo quotidianamente lansoprazolo 30mg la bocca senza saliva ad eccezione la mattina dopo alzato che mi assale una salivazione eccesiva tanto che e un espellere continuo che dura circa dai trenta ai quaranta minuti. Gli occhi in pratica senza lacrimazione, e sempre brucianti nell’ultimo anno due episodi di emorragia venosa oculare , episodi di attacchi improvvisi di reumatismo alle ossa alle braccia mani piedi . verrei dire che in esami per scrupolo che ho voluto fare gli ana. Le curve glicemiche basali 85 /a trenta minuti200 / a sessanta 187 / novanta minuti 97 / centoventi minuti .. 85/ centottanta minuti 66/. Risultati degli ana /1:160, comunque nel 1992 operato aneurisma aorta ascendente 7 cm con ricostruzione aortica. Ora quello che mi domando e veramente sindrome di syogren ? i risultati degli esami che sono statti effettuati cosa stanno ad indicare? Gli ana sono negativi? O normali? E la glicemia e normale che scenda tanto?. Devo cercare di riprendere i contatti con la dott. Che mi aveva in cura nel 96? . un gruppo di reumatologi guidato dal prof .Valesini, prima medicina policlinico Umberto 1 Roma. Grazie dimenticavo dal 2007 fibrillazione atriale parossistica. Aneurisma arteria renale .ectasia anello val salva, arco aortico ectasia, ectasia aorta ascendente di mm55.( ritornato), emergenza carotide di sx aumentata di volume.

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
la diagnosi di sindrome di Sjögren è posta non solo in base a criteri classificativi (relativamente restrittivi ma universalmente riconosciuti) utilizzati fondamentalmente nell'ambito di ricerca scientifica, ma nella pratica clinica quotidiana anche secondo l'esperienza dello specialista che si trova ad esaminare il caso specifico. I colleghi reumatologi che hanno formulato tale diagnosi appartengono ad una scuola di tutto rispetto per cui, con gli elementi a disposizione, posso solo pensare che tale diagnosi sia assolutamente condivisibile. Per metterla in discussione servirebbe una rivalutazione clinica esaustiva che comprenderebbe anche la rilettura del referto completo dell'istologia salivare e, probabilmente, la revisione istologica dei vetrini (e ancora, se tutto questo non fosse sufficiente, la ripetizione della biopsia).
In ogni caso è opportuno che si sottoponga a controlli periodici, per cui La invito a tornare all'osservazione dei colleghi reumatologi.
Saluti,

[#2] dopo  
Utente 174XXX

GENT. DOTTORE. LA RINGRAZZIO MOLTISSIMO