Utente 184XXX
salve cerco un aiuto per mia madre...

Allora tutto è iniziato in primavera, quando mia madre ha iniziato ad avere fortissimi dolori cervicali, tanto da ricorrere piu' volte la notte al pronto soccorso, dolori atroci che non erano comuni mal ditesta, poi è iniziato un malessere generale, con impossibilità a fare i piu' semplici movimento, come alzarsi dal letto, in quanto aveva fortissimi dolori all'anca, alla quale attraverso una radiografia abbiamo saputo esserci un versamento. poi quasi in concomitanza ha avuto il ginocchio gonfio e il piede destro, ( questo tutt'ora c'è), un piede gonfissimo che non puo neanche appoggiare per terra , ha praticamente dei rigonfiamenti sul dorso e sul lato destro. anche qui attraverso un rx, abbiamo scoperto una spina calcaneare.

Ora il primo consulto è stato un ortopedico, il quale ci ha inviato da un reumatologo, a questo punto iniziano una sfilza di analisi del sangue inerenti al DNA, e al sistema immunologico, alla fine esce fuori L'ARTRITE PSORIASICA....
BASTA il professore dice con voce impostata:" SIGNORA LEI HA L'ARTRITE PSORIASICA, CI ASSEGNA LA SALAZOPIRINA E CI LIQUIDA DICENDO DI FARE LE ANALISI DEL SANGUE, PRIMA DOPO 15 G E POI DOPO 30. FINE DELLA DISCUSSIONE.
ora mamma ha preso questo salazopyrin prima ad un dosaggio alto, e il gonfiore era diminuito e camminava,( fa le analisi del sangue, inerenti ai reni, fegato e altro, tutto ok), poi dopo 15 giorni il dosaggio che doveva prendere era inferiore e qui riniziano tutti i scompensi....
ora non sappiamo piu' che fare , anche perchè il farmaco le da fastidio, le provoca diarrea e poi il dottore non ci ha detto nulla, neanche per quanto tempo deve assumerlo. che dobbiamo fare, qualcuno mi sa consigliare, ma sara' proprio artrite psioriasica?
grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Tamburello

24% attività
0% attualità
0% socialità
LEGNANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,
Per avere certezza che di artrite psoriasica si tratta, faccia fare alla mamma una visita reumatologica.
A Roma ci sono decine di centri qualificati.
Cordialità
Dr. Antonio Tamburello