Utente 536XXX
Cari Dottori, io vi ho già scritto in precedenza per quanto riguarda la mia situazione fisica a causa della spondiloartrite siero negativa. Ormai sono più di 4 mesi che seguo una cura con:
-Salazopyrin;
-Simmodium Neoral;
-Metrothexate;
-Pariet;
-Folina.
(Mi scuso per i nomi dei medicinali sbagliati).
Dal momento che purtroppo queste medicine non giovano assolutamente ai miei dolori,sto preparando gli esami mecessari per passare alla cura con i "farmaci biologici". Lo ammetto, la frustrazione che provo a causa dei dolori,della mia condizione fisica che in questi 4 mesi non è migliorata e a causa del pensiero che ho all'idea di iniziare un'altra cura, con il terrore che non serva a nulla, mi sta veramente rovinando la vita..I momenti di sconforto, credo che siano concessi. Vi chiedo un parere...questa cura con i farmaci biologici,che in ogni caso farò, perchè non ce la faccio più,è veramente utile per risolvere il mio problema, o meglio per farmi vivere in maniera dignitosa??? Dovrò farla per tutta la vita, o a periodi?Quanto devo temere gli effetti collaterali? Vi ringrazio molto per l'attenzione che potrete riservarmi.
Cordialmente...

[#1] dopo  
Dr. Luigi Di Lorenzo

24% attività
0% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)
PIEDIMONTE MATESE (CE)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
non sono specialista in Reumatologia ma ho una discreta esperienza nel trattare in equipe pazienti reumatologici.
Esistono ad oggi diversi e contrastanti studi sull'efficacia dell'associazione di più farmaci di fondo, che lei sta già facendo.
Tutti questi farmaci di fondo sono una classe molto eterogenea di molecole che avrebbe almeno in teoria in comune la caratteristica di modificare in meglio l'andamento nel tempo della malattia.
Questo significa che un buon farmaco di fondo non deve solo ridurre i sintomi e l'infiammazione, ma deve anche modificare il grado di aggressività della malettia stessa riducendo per esempio il numero di nuove erosioni ossee che la malattia produce.

TUTTI gli studi e le sperimentazioni sono concordi con l'affermare che essendo farmaci di fondo sono di lenta azione..e nel suo caso un periodo di SOLI 4 mesi..seppur caratterizzato da dolore e nessun miglioramento...potrebbero far pensare che non stanno agendo.
Ovviamente però qualsiasi deduzione in merito deve essere confortata da esami e non solo dal suo riferito dolore quale unica misura di beneficio ed outcome.Insomma..prima di ricusare una terapia per passare ad uno step successivo ( che proprio perchè successivo..potrebbe avere più effetti collaterali)..il dolore non può essere l'unica variabile consigliata per il passaggio ai biologici.

I cosiddetti "biologici" quando indicati...sembrano maggiormente attivi sull patologia. Gli ultimi studi stanno però mostrando dei profili di tossicità su alcuni organi...e di questo dovrebbe parlare con i colleghi che la stanno seguendo. In particolare, prima di iniziare la terapia chieda notizie e conforto sul rapporto RISCHIO/BENEFICIO..nel suo caso innanzoitutto. La patologia avanza..o è solo il dolore a stressarla e ad essere debilitante. perchè in quest'ultimo caso...magari potrebbe beneficiare solo di una terapia del dolore...ed aspettare se l'associazione metrexate-ciclosporina salazopirina..diano maggiori e migliori effetti dopo almeno 6-8 mesi ( alcuni studi parlano di effetti benefici significativi a 2 anni!!).
Insomma..il profilo dei biologici non è sempre così sicuro.
Ne parli con i suoi medici curanti..che sicuramente avranno già valutato la cosa...e non proponga lei passi in avanti!!
Cordiali saluti
Luigi Di Lorenzo
www.luigidilorenzo.it

[#2] dopo  
Utente 536XXX

Gentile Dott. Di Lorenzo, la ringrazio molto per la sua risposta, ma mi permetta di chiederle una cosa...Lei mi dice che il cocktail di medicinali che sto prendendo potrebbe fare effetto anche a distanza di due anni, e comunque nel lungo termine. La mia domanda è.."Come faccio a soppravivere nel frattempo? Non voglio sembrare una "lagna", ma mi creda i dolori che provo sono veramente insopportabili e non perchè io abbia un livello di tolleranza al dolore basso, ma perchè proprio mi stanno logorando...Le elenco le zone: Cuffia delle spalle, gomiti, polsi, schiena a livello sacro-illiaco, da qualche giorno mi prende anche un piede. Capisce anche lei, che tutto il mio corpo mi si accanisce contro. Sono sinceramente terrorizzato all'idea di fare la cura con i farmaci bio, ma nello stesso tempo sono disperato.. Grazie molte per i consigli che potrà darmi ancora.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Di Lorenzo

24% attività
0% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)
PIEDIMONTE MATESE (CE)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
capisco e forse non sono stato abbastanza chiaro..
se il problema è solo il dolore...e la situazion articolare degenerativa non avanza...più che i biologici..lei merita e necessita di una adeguata terapia dl dolore. sicuramente un oppioide le darà una pronta e sicura analgesia..senza effetti collaterali severi.
si rivolga con fiducia ad un centro di terapia dl dolore!!
saluti e scriva quando vuole.
saluti
Luigi Di Lorenzo
www.luigidilorenzo.it

[#4] dopo  
Utente 536XXX

Cercherò di approfondire l'argomento "terapia del dolore" con il medico che mi segue. La ringrazio molto per i suoi consigli e la sua cortesia.
Grazie molte..