Utente 172XXX
Soffro di mal di schiena e di collo dal 1999 a seguito di incidente.Tre ricadute per la schiena (1999-2006-2011).
Ris Magnetica lombare di nov 2012 : ernie varie ( L4L5 in particolare ,ci soffro da 14 anni) l5s1 disco ipoplasico , artrosi varie , normale morfologia del cono midollare , affastellamento delle radici della cauda. Sono alla terza ricaduta in 14 anni , questa e' la più lunga e sono ormai 2 anni di seguito e non passa con le "vecchie " tecniche : osteopata , ozono , esercizio . Male a gambe ( vicino e dietro tibie ) glutei e bacino . Alti e bassi continui , fascia thermacare aiuta . Oki per bocca o orudis intramuscolo sono miracolosi. Madre con problemi reumatici (polimialgia).fatte analisi di routine recentemente: VES 6 prima ora 16 seconda ora indice di katz 7
Medicine prese per altre cause : da 3 anni Pariet per Reflusso
Sport : non ne riesco a fare causa dolore e rigidità , faccio un pò di es.posturali.
Dolore : in piedi fermo sento dolore ; la mattina schiena molto rigida , quando mi sdraio mi fanno male le gambe spesso e faccio fatica ad addormentarmi. Spesso muovermi fa bene (ma non troppo) , un po' di riposo mi fa bene , troppo fa molto male .Saltuariamente (2 o 3 volte l'anno) dolore improvviso a caviglia o ginocchio che passa dopo 20/30 minuti. Scusate la lunghezza del messaggio , ma secondo voi potrebbe esserci anche una causa reumatica (Spondilite anchilosante) oltre che meccanica ?

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Una condizione di mal di schiena persistente nel giovane maschio, specie con le caratteristiche da lei descritte deve essere sempre indagata da uno specialista reumatologo per escludere appunto, come da lei correttamente ipotizzato, una artropatia infiammatoria. Infatti per quanto riguarda l'ambito delle spondiloartriti, a differenza di quanto osservato nell'artrite reumatoide, la normalità dei soli indici di infiammazione non è sufficiente ad escludere la malattia. Cordialità.
Mauro Granata