Utente 478XXX
Buonasera, da dicembre sono in cura per una connettivite indifferenziata diagnosticata dopo una serie di esami per determinare le cause di una forma prolungata di orticaria refrattaria a vari antistaminici che mi ha portato ad avere croste sanguinanti su molte ogni parti del corpo. Nello specifico:
ANA 1:160 patten granulare
PRC 2.97
Test di Schirmer patologico in ipertono oculare
Episodio artritico al gomito sx
Familiarità per patologie immunitarie ( morbo di Basedow in fase eutiroidea)
Terapia prescritta: 4mg di Urbason, 200 mg di Plaquenil, 20 mg di Zirtec. Dopo circa 3 mesi la situazione è migliorata e da maggio ho iniziato a scalare il cortisone ( 2 mg)senza la manifestazione principale delle connettivite che nel mio caso è l’orticaria. Le cose sono andate bene sino a quando non è arrivato il caldo, gradualmente l’orticaria è ritornata a manifestarsi e dopo una vacanza al mare nonostante abbia seguito tutte le varie indicazioni che mi sono state date ( poco sole, fattore di protezione alta) mi ritrovo con i ponfi che fanno la loro comparsa al mattino e un dolore al tendine della gamba sx che si irradia al polpaccio senza aver subito un trauma. La mia domanda è può il caldo e il sole nonostante stia molto attenta aver risvegliato la malattia? Il dolore al tendine è riconducibile alla connettivite. Sto ancora assumendo 2 mg di cortisone cercando di tenere l’orticaria a bada con gli antistaminici.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Gentile signora, purtroppo questo tipo di malattie possono avere un decorso altalenante caratterizzato da episodi di remissione accompagnati da momenti di riesacerbazione. I motivi delle riacutizzazioni possono variare da soggetto a soggetto ed essere diversi nello stesso paziente nelle diverse fasi evolutive della malattia. Nel caso specifico è probabile che la variazione stagionale compresa l'esposizione solare, seppure contenuta, abbiano contribuito alla attuale condizione clinica. Ricontatti quindi il suo curante per l'opportuna puntualizzazione terapeutica. Cordiali saluti.
Mauro Granata