Utente 269XXX
Gentili Dottori,sono una giovane donna di 28 anni e vi scrivo perchè da circa un anno ho una secrezione spontanea monolaterale e monorifiziale che interessa il seno dx, di colore bianco - giallognola. Ho fatto un ciclo di dostinex che però non ha dato gli esiti sperati. Negli ultimi periodi, invero, ho avuto una serie di ulteriori problemi: mi è stato riscontrato un ipertiroidismo che ora curo con il tapazole, un aumento del cortisolo plasmatico e uno squilibrio nel ciclo mestruale. A fronte di tali problemi, i medici che mi tengono in cura mi hanno sottoposta ad una serie di esami: dapprima una ecografia alla tiroide che ha riscontrato tre noduli del diametro di 5 cm con relativo agoaspirato negativo, poi una rx del cranio per studio della sella turcica che non ha rilevato lesioni, poi una ecografia del seno che ha evidenziato la presenza di due noduli cistici del max diametro di 6 mm a carico del seno dx e una lieve MA NON SIGNIFICATIVA ectasia duttale. I medici che mi tengono in cura, tuttavia, brancolano nel buio: c'è chi dice che sarebbe necessaria una RM, in quanto i miei disturbi potrebbero essere legati a questioni ipofisarie - ipotalamiche, vista la galattorrea (RM che però nessuno vuole prescrivermi perchè troppo costosa per il SSN!); c' è chi dice che questa fuoriuscita è legata a questione specificatamente senologiche. Ora, su mia insistenza, mi hanno sottoposta ad un esame citologico del siero: il medico che l'ha eseguito si è pure impressionato per la quantità di siero che è riuscito a raccogliere per l'esecuzione dell'esame. Il referto lo ritirerò martedì: esito avuto nel giro di 3 giorni.
Ciò detto, io non ci capisco nulla. Dati i risultati della ecografia è presumibile che tale fuoriuscita di siero sia imputabile al seno o può trattarsi veramente di una patologia a livello centrale? Quali provvedimenti devo assumere, visto che i miei medici, (di base, ginecologo ed endocrinologo) non sono in grado di determinarsi sul da farsi?
In attesa di un Vs cortese cenno di riscontro, porgo distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Una secrezione monoporica monolaterale abbontante è senz'altro meritevole di un approfondimento diagnostico anche a "livello della mammella".

Ci aggiorni dopo l'esito dell'esame citologico allegando i dati personali che può ricavare da questa scheda.

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 269XXX

preg.mo dott. la ringrazio per la celere risp. ma visto che domani ritirero' l'esito dello striscio vorrei avere da lei alcune rassicurazioni: e' possibile riscontrare alla mia eta' una ectasia duttale? e poi questa e' da intendersi causa o conseguenza della secrezione in oggetto? i medici che mi tengono in cura sono dell'opinione che l'ectasia duttale riscontrata e' conseguenza della fuoriuscita di secrezione e che quindi non e' rilevante ai fini dell'nquadramento della mia sintomatologia.bmi preme anche farle sapere che ho piu volte eseguito l'esame della prolattina che e' risultata sempre nella norma. non mi hanno mai prospettato la possibilita' di effettuare una visita da un senologo ne' mai mi hanno visitato. ma secondo lei il quadro ecografico potrebbe spiegare questo mio problema ovvero i due noduli e l'ectasia duttale? mi scuso per le molteplici domande ma sono in grande confusione e soprattutto sono particolarmente avvilita visto che a circa un anno ho questo disturbo a cui nessuno sa darmi una risposta. la ringrazio e la saluto.

[#3] dopo  
Utente 269XXX

preg.mo dott. la ringrazio per la celere risp. ma visto che domani ritirero' l'esito dello striscio vorrei avere da lei alcune rassicurazioni: e' possibile riscontrare alla mia eta' una ectasia duttale? e poi questa e' da intendersi causa o conseguenza della secrezione in oggetto? i medici che mi tengono in cura sono dell'opinione che l'ectasia duttale riscontrata e' conseguenza della fuoriuscita di secrezione e che quindi non e' rilevante ai fini dell'nquadramento della mia sintomatologia.bmi preme anche farle sapere che ho piu volte eseguito l'esame della prolattina che e' risultata sempre nella norma. non mi hanno mai prospettato la possibilita' di effettuare una visita da un senologo ne' mai mi hanno visitato. ma secondo lei il quadro ecografico potrebbe spiegare questo mio problema ovvero i due noduli e l'ectasia duttale? mi scuso per le molteplici domande ma sono in grande confusione e soprattutto sono particolarmente avvilita visto che a circa un anno ho questo disturbo a cui nessuno sa darmi una risposta. la ringrazio e la saluto.

[#4] dopo  
Utente 269XXX

mi scusi per errore ho inviato 2 volte lo stesso msg

[#5] dopo  
Utente 269XXX


SCHEDA PERSONALE
ETA 28
FAMILIARITA’ NO (ZIA PATERNA SESSANTENNE)
ETA’ DI INSORGENZA DELLE PRIME MESTRUAZIONI : 13 anni
MENOPAUSA
GRAVIDANZE 1 ULTIMA GRAVIDANZA anno 2011.
INTERRUZIONI DI GRAVIDANZE NO
USO DI ORMONI (es.pillola) dall’anno 2009 all’anno 2010 e dall'agosto 2012 all'ottobre dello stesso anno
DIETA PREVALENTE NO GRASSI
Consumo di alcol NO
FUMO SI
n.sigarette/die 10/15.
PRECEDENTI INTERVENTI SULLA MAMMELLA NO
ATTIVITA’FISICA moderata

[#6] dopo  
Utente 269XXX

gentile dott. catania, le trascrivo l'esito del citologico: materiale di secrezione del capezzolo costituito da istociti a citoplasma schiumoso detriti amorfi acellulati flocculari,cellule pavimentose e squame cornee di origine cutanea, rari granulociti,cellule duttali prive dei caratteri di atipia. reperto negativo per cellule a
tipiche
tuttavia voloevo anche farle sapere che la secrezione diventa sempre piu abbondantex riguarda sempre solo il seno destro. l' unica cosa che ho notato e' che talvolta s presenta gialla trasparente.il mio medico di base no ha potuto o meglio non ha voluto neanche leggere il referto, invtandomi a fissare un appuntamento. come posso risolvere questo problema? posso star tranquilla po e' necessario un ulteriore approfondimento? la ringrazio in anticipo e la saluto.

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Starei tranquilla ( e non perchè l'esame citologico risulti negativo), ma persistendo la secrezione sierosa e abbondante, precauzionalmente farei una visita senologica.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
Utente 269XXX

la ringrazio per la celere risp. ma il mio medico di base non ritiene necessaria una ulteriore visita, dato l'esito negativo del citologico. io sono di diverso avviso. nessuno riesce a spiegarmi il perche' di questa secrezione, solo alcuni la imputano alla lieve ectasia duttale riscontrata in sede ecografica. ma secondo lei potrebbe essere a questa ricollegata o ai due noduli transonici. mi spiace assillarla con i miei perche', ma mi creda quando le dico che non so piu' che pesci prendere. la saluto e la ringrazio infinitamente per la sua cortesia.

[#9] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>dato l'esito negativo del citologico>>

Io invece darei un peso mooooooolto relativo all'esito di quell'esame citologico e terrei in maggior considerazione il dato obiettivo di "secrezione monoporica, monolaterale, sierosa, abbondante, persistente"

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/70-agobiopsia-mammella.html

Non credo che i due casi siano paragonabili e pertanto STIA ASSOLUTAMENTE TRANQUILLA, ma sappia che anche in questo che le allego era negativo l'esame citologico.

https://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/255545/Lettera-per-il-Dott-Catania

Lo stampi e lo faccia vedere al suo curante (^____^) se la può aiutare.

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#10] dopo  
Utente 269XXX

La ringrazio infinitamente per avermi allegato la discussione riguardante la sig.ra di padova, ma ho già avuto modo di leggerla.. esempio di determinazione e caparbietà.
E' un anno che i medici che mi hanno visitato mi sottopongono ad ogni genere di accertamento senza mai arrivare al quid, e quando cerco di spiegare loro che ci deve essere una ragione per la secrezione di tale siero, mi rispondono, senza peraltro effettuare un qualsiasi indagini a ciò finalizzata, che potrebbe essere fisiologico.
Dopo aver letto tale discussione e dopo aver inserito la richiesta di consulto, ho sperato di poter avere una risposta da Lei. Ed in questo, sono stata fortunata.
Io vivo a Vercelli, e nella mia città non vi sono medici specializzati in senologia. Tramite la prescrizione medica, prenoterò la visita a Milano.
Nel frattempo, avrei bisogno di un consiglio: il ginecologo che ha eseguito lo striscio della secrezione mi ha prescritto il dostinex. Secondo Lei è il caso che io lo assuma? La ringrazio di cuore per il Suo interessamento e Le porgo distinti saluti.

[#11] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non posso confermare un farmaco senza una diagnosi....che non c'è.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#12] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi scusi la franchezza : cosa c'entra il dostinex che dovrebbe inibire la lattazione fisiologica dovuta ad un incremento della prolattina ( e quindi secrezione lattigginosa bilaterale e multiorifiziale) con una secrezione MONOPORICA sierosa ????
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#13] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi scusi la franchezza : cosa c'entra il dostinex che dovrebbe inibire la lattazione fisiologica dovuta ad un incremento della prolattina ( e quindi secrezione lattigginosa bilaterale e multiorifiziale) con una secrezione MONOPORICA sierosa ????
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#14] dopo  
Utente 269XXX

e' quello che provo a dire loro... e' la seconda volta che me lo prescrivono senza successo. loro imputano tale secrezione all'ectasia duttale (trascurando i due noduli rilevati in sede ecografica) e quando io provo a chiedere loro se e' normale un'ectasia duttale alla mia eta' non mi sanno rispondere. sono avvilita perche' i medici che sin ora mi hanno visitata mi ritengono un "caso strano". ieri ho stampato il suo interessante articolo sul rapporto tra medico e paziente per sottoporlo all'attenzione del mio medico di famiglia.

[#15] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>> i medici che sin ora mi hanno visitata mi ritengono un "caso strano".>>

Non rientra la "stranezza" in una categoria diagnostica dove invece va stabilito se un quadro clinico è

]benigno : non si fa nulla
]dubbio : si fa un approfondimento
]sospetto: idem
]maligno : si cura
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#16] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In altre parole non ci interessa affatto sapere se "un caso sia strano", ma se è benigno, dubbio, sospetto o maligno.

Uno, ed uno solo per volta di questi termini, caratterizza una conclusione diagnostica.
Oppure si conclude sottolineando l'INCONCLUSIVITA' delle indagini clinico-strumentali. Per questa ragione in casi selezionati si passa ad ulteriori indagini : mammografia ? Risonanza Magnetica Mammaria con mezzo di
contrasto ?

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm


Se il suo è strano....qualcosa non torna..........

Ed è poco convincente l'ectasia duttale, intanto perchè "lieve" e....che può dare, raramente alla sua età, una secrezione multiorifiziale se interessa più dotti.
Se la secrezione è MONOPORICA va da sè che si debba parlare di DOTTO ECTASICO (ectasico...perchè ??????).

Inoltre >>il medico che l'ha eseguito l'esame citologico si è pure impressionato per la quantità di siero che è riuscito a raccogliere >>

Si è impressionato per la quantità di siero che SGORGAVA....a tal punto (!!!!)....... che non ha ritenuto necessario ulteriore approfondimento ?

Conclusioni :
E' chiaro che la complessa situazione ormonale (+ ipertiroidismo) possa giocare un ruolo molto importante ed è probabile che alla fine di tutti gli accertamenti la conclusione sia tranquillizzante, ma ad un mio familiare con "secrezione, monoporica, persistente, abbondantissima ("si è impressionato" !!!!) consiglierei uno step diagnostico ulteriore.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#17] dopo  
Utente 269XXX

Salve Dottore.
Scusi il ritardo,per quanto riguarda il quadro ormonale ho già effettuato tutti i relativi esami,senza rilevare alcuna anomalia; l'unico valore aumentato è stato il cortisolo. Aspetto ora i risultati del cortisolo urinario.
Devo però aggiornarla. Da due giorni ho il ciclo. Stamattina, ho controllato il seno destro, come faccio abitualmente e mi sono accorta che la secrezione è sempre monolaterale, solo che fuoriesce da due pori. Trattasi, però, di DUE DIVERSE SECREZIONI: da un orifizio è sierosa bianca - gialla e particolarmente abbondante (nel senso che quando schiaccio, bagno il pavimento, scusi la spiegazione, ma è solo per farLe capire il quantitativo); dall'altro poro, invece, la secrezione è più acquosa, molto meno abbondante (sempre per farle capire, si tratta di una gocciolina) gialla quasi trasparente. Non riesco a capirci più nulla. Stasera andrò dal mio medico curante e mi farò prescrivere la visita senologica. Ora, con tutti i limiti del consulto on-line, il fatto che tale secrezione si presenti da due orifizi può tranquillizzarmi? è possibile che la secrezione sia di tipo diverso, sebbene interessi lo stesso seno?
La ringrazio davvero tanto per l'attenzione, la minuziosità e la passione che mette nelle risposte che mi fornisce, quasi quotidianamente. Mi fa bene sapere che un medico come Lei, della Sua esperienza e professionalità mi ascolti e forse, va anche oltre le mie domande, risolvendo dubbi a cui nessuno presta neppure ascolto. E mi scusi se approfitto di tutto ciò. Le auguro una buona giornata.

[#18] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>> Ora, con tutti i limiti del consulto on-line, il fatto che tale secrezione si presenti da due orifizi può tranquillizzarmi?>>

Io già nelle conclusioni pensavo di averla tranquillizzata.

Ma il problema è un altro : NON C'E' ancora una diagnosi conclusiva.

Nella diagnostica oncologica ci si può anche sbagliare ma occorre CONCLUDERE.

Dire che il caso sia "strano" non è conclusivo.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#19] dopo  
Utente 269XXX

Gent.mo Dott. Catania,
spero che si ricorderà di me. Mi ha visitata un annetto fa per le secrezioni che Le avevo descritto nei messaggi precedenti.
Sono qui a riscriverLe perchè ho una novit. La secrezione al seno destro continua ad essere presente, si tratta di una secrezione lattiginosa e quindi non preoccupante.
Il problema è che anche il seno sinistro presenta una secrezione, che tuttavia è di aspetto diverso: si tratta di una secrezione trasparente e monoporica. Non è abbontante ed è spontanea.
Ho effettuato nil dosaggio della prolattina che tuttavia è risultata nella norma.
Cosa mi consiglia di fare? E' il caso di preoccuparsi?
La ringrazio vivamente e La saluto.

[#20] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ricominciamo con la prolattina ?

La risposta è la stessa che Le ho dato il 22 gennaio.
Se la rilegge verificherà che anche Lei mi sta rifacendo la stessa domanda dopo un anno.

Tanti auguri
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#21] dopo  
Utente 269XXX

Gent. mo Dott. Catania,
io in effetti comprendo di essere tornata al punto di partenza, ma purtroppo non avendo avuto risposto esaustive ho dovuto rifarmi alla Sua professionalità.
Il mio medico, dopo aver constatato la presenza di secrezioni da entrambi i seni, ha ritenuto dover dosare nuovamente la prolattina, che come sempre e' risultata nella norma.
Durante la visita, Lei mi ha spiegato che se la secrezione è lattiginosa-multicolorata non desta preoccupazione, al contrario secrezioni trasparenti meritano ulteriori approfondimenti. Lei mi aveva consigliato di tenere sotto controllo le secrezioni. Io l'ho fatto.
La secrezione del seno destro è uguale : secrezione monoporica, monorifiziale, abbondante e lattiginosa.
Tuttavia negli ultimi mesi è subentrata la secrezione dal seno sinistro che è molto diversa da quella del seno destro, perchè non abbondante, monorifiziale, trasparente.
Dalle Sue considerazioni, ho desunto che tale ultima manifestazione sarebbe meritevole di ulteriore approfondimenti. Il problema e' che nessuno sa indicarmi la strada da percorrere. Mi scusi per il disturbo e colgo l'occasione per poprgerLe i miei migliori auguri di un sereno 2014.

[#22] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A distanza è difficile comprendere quali variazioni ci siano state e se ce ne possa essere una in particolare di secrezione che meriti un ulteriore approfondimento.

In considerazione della persistenza delle secrezioni farei
1) Controllo clinico-ecografico semestrale
2) Se al controllo si verificasse la presenza di una secrezione con caratteri dubbi rispetto alle altre farei uno striscio per l'esame citologico.
3) In caso di ulteriori dubbi , ma solo se consistenti, farei una
Risonanza Magnetica Con mezzo di contrasto per fare il punto della situazione, ma solo come ultima ratio.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com