Utente 198XXX
Con tutti i limiti di un consulto via etere. 33 anni affetta da connettivite indirìfferenziata con sindrome sicca, ipovitaminosi D, osteopenia femorale, fibromialgia con spasmofilia, spondiloartrosi lombare e cervicale con radicolopatie, discopatia degerenerativa. A cui si sono aggiunti in ultimo deficit di memoria e convulsioni miocloniche e acinetiche con episodi di trofismo. La terapia è: pantropazolo 40 mg/die, urbason 4mg/die, plaquenil 400mg/die, dibase 25000/mese, natecal d3 oro * 2/die e gabapentin 300mg * x/die sostituito da ieri per i recenti avvenimenti di cui sopra con noxgen bustine per 1 mese, rivotril 0.5mg x 2/die, daparox gocce 5 gc dopo pranzo. La connettivite mi ha causato danni agli occhi, alla tiroide, ai reni, al sistema muscolo-scheletrico e neuropatico ed anche a quello linfatico provocandomi una linfoadenopatia multipla con linfonodo ipoecogeno senza ilo su carotide per il quale sono seguita in un centro apposito. Qualche settimana fa alla palpazione mi sono sentita un bozzettino alla mammella e visti i precedenti mi sono recata a fare un'ecografia. Questo quanto emerso: Si segnala la presenza a carico della mammella sinistra a livello del QSE di formazione nodulare ipoecogena, omogenea con margini regolari delle dimensioni massime di circa 10 * 6 * 16mm compatibile con fibroadenoma.
Non sono apprezzabili ulteriori alterazioni ecostrutturali. Si segnala altresi solo nel cavo ascellare di destra linfonodo reattivo di 11 mm. Utile controllo a distanza.
Ora la domanda è, vista la mia situazione linfatica, e la presenza di una formazione ovalare ipoecogena senzo ilo su carotide, è consigliabile per questo presunto fibroadenoma fare solo eco di controllo o richiedere un'apposita visita specialista? La ringrazio per la disponibilità e l'aiuto che vorrà prestarmi.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
In considerazione del quadro clinico descritto la visita è indicata anche se la diagnosi di fibroadenoma e linfonodo reattivo va considerata assolutamente tranquillizzante.

Legga

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/68-fibroadenoma-devo-operare.html

Saluti
Annoni Andrea, MD

[#2] dopo  
Utente 198XXX

Gent.mo Dott. Annoni, La ringrazio per la cortese e celere risposta. La visita che a Suo avviso risulta indicata è presso un centro senologico o dove? Lo chiedo perchè mi creda io passo continuamente da un reumatologo, ad un nefrologo, ad un oculista, ad un radiologo, ad un ortopedico, ad un endocrinologo, ad un gastroenterologo, ad una oncoematologa, ad un neurologo ed anche psicologa..comincio a non tenere piu' il conto. La ringrazio per i suggerimenti che vorrà offrirmi.

[#3] dopo  
Dr. Andrea Annoni

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Intendevo visita solo come conferma del quadro che descrive come non preoccupante. Rispetterei le priorità. Le sue sono multiple :-))))
Annoni Andrea, MD

[#4] dopo  
Utente 198XXX

Ha inquadrato alla perfezione :). le mie purtroppo sono multiple ma fino a quando si possono gestire se pur con difficoltà, diciamo che va bene :).
Va bene un centro senologico a seguito delle mie priorità, o mi suggerisce altro?
La ringrazio ancora.
Cordialità.

[#5] dopo  
Utente 198XXX

Gent.mo Professore, a seguito disturbi gastrointestinali frequenti mi sono recata a visita. La dottoressa ha effettuato anche eco.
L'esame ecografico delle anse intestinali non ha evidenziato ispessimento patologico dei tratti esplorati, in particolare appare normale l'aspetto dell'ultima ansa ileale. Si evidenziano molteplici linfonodi megalici di tipo reattivo in sede mesenteriale.

La dottoressa mi ha detto di continuare con una dita priva di glutine anche se non ferrea ma di eliminare latticini, tra 2 mesi:
dosaggio antigliadina deamidata,
dosaggio antitransglutaminasi,
colproteina fecale,
ves,
pcr,
mucoproteina.
In base ai suddetti esami programma: egds + biopsia ed entero RMN. (mi ha spiegato la possibilità di escludere morbo di chron)

Quello che vorrei sapere, la presenza di questi linfonodi megalici, in aggiunta a quello sulla carotide ipoecogeno e senza ilo piu' la formazione nodulare ipoecogena Sono tutti compatibili con il quadro di connettivite o necessitano comunque accertamenti ed eventualmente di quale genere?
La ringrazio per l'attenzione, l'aiuto e la professionalità