Utente 288XXX
Salve, avevo gia' scritto a maggio, le riepilogo brevemente per aggiornarla dei sviluppi per avere un suo parere.
A maggio mia figlia di 7 anni e 3 mesi circa presentava solo al seno sinistro in corrispondenza del capezzolo un nodulino interno, che risultava dopo aver fatto un eco un ipertrofia della ghiandola mammaria, la pediatra mi aveva detto che poteva derivare dagli ormoni contenuti in alcuni alimenti che mi ha fatto togliere ( carni bianche e pesci allevati ) ed effettivamente il problema si era risolto e la ghiandola era tornata normale.
15 giorni fa il problema si è ripresentato solo al seno destro il capezzolo si è gonfiato e indurito e la bambina lamentava dolore e un pò di prurito.
Ho pareri discordanti in merito, da una parte mi parlano di inizio pubertà precoce pur non presentando altri segnali (non presenta peluria e crescita della statura aumentata in modo eccessivo in poco tempo), mi parlano di indurre degli stimoli ormonali con ormoni di laboratorio mediante flebo per vedere la reazione a tali stimoli e di fare una lastra al polso, gli unici metodi attendibili per vedere se sta entrando in pubertà precoce che eventualmente (se positiva) andrebbe bloccata con dei farmaci fino all'età dello sviluppo che dovrebbe essere a 12 anni e che la puberta' precoce 9 -10 anni è una patologia che va trattata.
Un altro medico mi ha detto che potrebbe essere solo una ghiandola infiammata in quanto all'inizio della pubertà compare prima la peluria pubica e che le ghiandole mammarie si ingrossano entrambe.
grazie
saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
A distanza è impossibile apportare il contributo che si aspetta da noi e si possono fare tante ipotesi, che Lei stessa già qui trascrive.

L'unica cosa che mi preme raccomandarle di bloccare immediatamente qualsiasi tentazione "chirurgica" perchè comunque "quel nodulino" corrisponde alla mammella della sua bambina .

Per il resto mi affiderei al pediatra per gli approfondimenti del caso

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com