Utente 118XXX
Salve,
mio zio, uomo di circa 60 anni, si è sottoposto ad asportazione chirurgica di una neo formazione che ad ecografia fu definita così: "cisti sebacea vascolarizzata?"
L'esame istologico effettuato dopo l'intervento di chirurgia cita: ".... proliferazione atipica compatibile con carcinoma di tipo duttuale/lobulare..." - tessuto analizzato: "Grasso" - si consigliano ulteriori esami per escludere effetti secondari.

Questo esame come deve essere interpretato? Si tratta di un vero e proprio tumore al seno (anche se in un uomo?) o è una fase precancerosa da tenere sotto controllo?

Che esami si consigliano.


Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
L'interpretazione mi sembra chiara ed in tal senso la lesione va trattata anche se stiamo parlando di un maschio

>>compatibile con carcinoma di tipo duttuale/lobulare..." >>

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/73-mammella-maschile-ginecomastia-carcinoma-patologia-mammaria.html

Tanti saluti

Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 118XXX

grazie per la sua cortese risposta.
a questo punto le chiederei:
Dall'esame istologico non dovrebbe risultare a quale tipologia (o stadio di sviluppo) sia la lesione?
da quanto ho letto su riviste del settore on.line:
-proliferazione atipica (fase precancerosa)
- carcinoma in situ
- carcinoma infiltrante ecc. ?

in base a quanto scritto dall'esame istologico sembra proliferazione atipica? o va intesa in modo diverso?

Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Solo dopo l'esame istologico definitivo possiamo parlare di stadi e istotipi e fattori prognostici.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com