Utente 415XXX
Salve,
Sono stata operata pe k duttale infiltrante QII seno sinistro.Anni 42
Istologico revisionato allo ieo:Er 80% Pgr 70% her2 negativo ki 67 42%(precedente ist 30/35%)(biopsia 24%)
G3 T2
Mi hanno proposto cht con 4 tc ogni 21gg a seguire ormon terapia e lhrh analogo.
Essendo questo un luminal b che beneficio posso trarre dalla cht?Sono molto combattuta..leggendo quá e là ho visto che é molto controverso l effettivo beneficio di una chemio con un tumore così.
Un vostro parere s u i luminal b?!
Beneficiano di una chem e se si di quanto?
Graziee!!

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Questa è la domanda da fare all'oncologo curante (vietatissimo a distanza ) guardandosi negli occhi perché si tratta di una situazione bordeline in cui vanno esposti vantaggi e costi (in senso di effetti collaterali) di entrambe le opzioni.

Del resto questa informazione non può essere taciuta all'atto del consenso informato quando si propone una terapia così impegnativa. Non voglio sottrarmi alla sua domanda, ma mi chiedo di cosa discutete con l'oncologo all'atto di proposta della terapia adiuvante .
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 415XXX

C é poco da discutere dottore,con un ki 67 pari al 42% mi consigliano di fare chemio.
Poi non essendo ignorante in materia vado a rivedere studi e statistiche e vedo la controversia di trattare il luminal b.O meglio se ci atteniamo alle linee guide con ki 67 oltre il 20% é indicata la chemio essendo anche un t2 g3... Perché lo definisce borderline?Inoltre si può sapere se i borderline si trattano con cht?!
Grazie