Utente 453XXX
Salve,
Sono mamma di un bimbo di 16 mesi allattato al seno fino ai 7 (settembre scorso). Allattamento interrotto con dostinex depressione postpartum. Ho un nodulo al seno sx di cui mi sono accorta a fine aprile, poco prima dell'arrivo del ciclo. Al tatto molto dolente anche finito il ciclo. Il 17/05 ho fatto un'ecografia dal mio ginecologo che ha riscontrato nodulo mammario di cm 1.4 con microcalcificazioni. A voce mi ha detto che non è vascolarizzato. Mi ha consigliato agoaspirato e dal momento che ho un'importante familiarità per carcinoma al seno (mia nonna paterna, mia cugina di primo grado da parte di padre e mia sorella, tutte in giovane età) mi ha consigliato mammografia per indagare su eventuali lesioni non visibili all'ecografia. Alla senologia dell'ospedale della mia città la senologa di turno si è rifiutata di eseguire la mammografia come da prescrizione del mio medico curante sostenendo che data la mia giovane età sarebbe stato un esame inutile. Ha voluto eseguire nuovamente un'ecografia, nonostante io gli abbia portato quella già fatta. Mentre faceva l'ecografia le ho spiegato della familiarità anche se lei non mi ha mai fatto un'anamnesi. Alla fine ha prenotato agoaspirato per la settimana dopo. Il giorno dell'agoaspirato mentre eseguiva nuova ecografia mi ha chiesto i risultati della mammografia e io sconcertata ho risposto che lei aveva ritenuto non fosse necessaria. I risultati dell'agoaspirato sono arrivati il 15/06: CELLULARITà ALTA RAPPRESENTATA DA ELEMENTI PREVALENTEMENTE ISOLATI O IN RARI PICCOLI AGGREGATI CON NUCLEI DISCRETAMENTE DISMETRICI, IPERCROMICI E NUCLEOLATI, CON PRESENZA DI FIGURE MITOTICHE ED ELEMENTI BI/TRINUCLEATI. COESISTONO RARI NUCLEU NUDI E OCCASIONALI TRALCI CONNETTIVALI.
REPERTI CITOLOGICI COMPATIBILI CON CAT. C4
La senologa sostiene non mi debba preoccupare, perché l'esame citologico a suo dire anche se dubbio non è brutto e solo per maggior scrupolo data la mia familiarità faremo una biopsia il 27/06.
A me sembra che la senologa sia troppo superficiale. So che c4 indica 80% di probabilità di malignità e anche termini tipo nuclei ipercromici, nudi, figure mitotiche non mi sembrano buoni. Tuttalpiù mia sorella ha subito un'intervento di mastectomia con svuotamento del cavo ascellare e ad oggi dopo un anno di terapie è in menopausa per terapia ormonale.(i medici dicevano di non preoccuparsi). Mia cugina ci ha lasciati un anno fa all'età di 50 anni dopo 20 anni di lotta al tumore con metastasi alle ossa e al fegato. Mia nonna a suo tempo subì anche lei mastectomia totale.
Ad oggi mi guardo il seno e noto che alzando il braccio il capezzolo si retrae anche se poi ritorna in sede abbassando il braccio. Il nodulo è meno dolente e non so se è un segno positivo o negativo. Mi chiedo se sia normale attendere così tanto per la biopsia, io sarei stata disposta a farla anche privatamente ma il senologo dice di no preoccuparsi. Cosa ne pensa?

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Scusi che vuol dire "ci vuole tanto per una biopsia "? Per quando e' stata programmata ?
Ci sono alcune cose da approfondire che mi lasciano perplesso. Puo' in via del tutto eccezionale inviarmi una mail
( salvo.catania@libero.it )
ALLEGANDO IL LINK DI QUESTO CONSULTO

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 453XXX

Grazie dottore per il gentile riscontro. Le ho inviato un'email

[#3] dopo  
Utente 453XXX

Buongiorno dottore, le ho inviato la mail privata come da lei richiesto e oggi ne ho inviata un'altra. Ho visto che adesso è online e mi permetto di riscriverle qua. Le sarei grata se potesse darmi un riscontro.
Cordiali saluti