Utente 395XXX
Gentile Dottore.
Ho 34 anni, alta 1,59 e peso 47 kg (5 kg persi da gennaio ad oggi a seguito di problemi di nausea persistente e dolori - nessuna diagnosi).
A fine maggio 2017, a seguito di ecografia mammaria con distorsione parechimale (circa 2cm) - e successivamente mammografia 3D tomosintesi - mi viene effettuata al seno una biopsia mammaria con esito B3 (DIN 1B - LIN 1) descrivendo "focolai di iperplasia duttulo - lobulare tipica e atipica (actasie cistiche, fibrosclerosi, metaplasia apocrina, papilllomatosi e discreta flogosi cronica periduttale)".
Il campione viene riesaminato da un altro centro con la seguente diagnosi: "fustoli di lesione complessa (fibrosclerosi, ectasia, metaplasia apocrina) - le indagini munochimimiche su focolari di iperplasia sono compatibili con iperplasia di tipo usuale".
In entrambi i casi è stata consigliata exeresi chirurgica.
La risonanza magnetica con mdc referta quanto segue:"si osserva un'area di disomogena impregnazione contrastografica di tipo "non mass" a distribuzione regionale. Nel contesto di tale area si riconosce area di convergenza, riferibile alla nota distorsione mammografica. Non si apprezzano linfonodi di dimensioni patologiche".
Ho effettuato l'exeresi chirurgica e attendo i risultati dell'esame istologico.
Le mie domande sono le seguenti:
- può essere maligno anche se l'agobiopsia ha rilevato caratteristiche di benignità?
- il mio calo di peso ed il gonfiore al lobo sinistro del fegato (rilevato con risonanza magnetica senza contrasto effettuata per la nausea persistente) - (valori di colinesterasi e numero di dibucaina sotto i limiti, ma gli altri valori sono normali), possono essere dovuti ad una malignità dello stesso?
Ringrazio per la gentile disponibilità e porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sin qui da quanto allegato e' ovviamente molto probabile che non ci sia altro di piu' importante in senso oncologico.
La lesione asportata e' una lesione benigna-bordeline che incrementa di poco il Rischio Relativo.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 395XXX

Grazie Dottore per il suo celere riscontro. Cordiali saluti.