Utente 704XXX
Buongiorno, egregi Dottori.
Sono una donna di 46 anni e vorrei una opinione su un referto che riguarda una punch-biopsy cui mi sono sottoposta di recente.
Ho lesioni ai capezzoli (macroscopicamente più evidenti a sinistra, anche se presenti in minima parte anche a destra) di tipo eczematoso da almeno un paio di anni (ma se la memoria non mi inganna, da molto di più, in effetti).
Inizialmente curata con pomata cortisonica, la lesione due anni fa circa è scomparsa, ma poi si è ripresentata in modo più virulento di prima, ispessita, molto pruriginosa, verde/giallina.
Il mio senologo effettuò lo scorso giugno una agobiopsia che ha riportato come esito "tessuto mammario normale".
Durante l'estate il fastidio pareva molto attenuato (anche se ho notato che dopo prolungati bagni, specialmente in piscina, la situazione tendeva a peggiorare).
Dopo due mesi, la lesione si è ripresentata e sono stata quindi sottoposta a punch-biopsy, come dico sopra, per avere una diagnosi che accertasse, oltre a quella già avuta, che esclude; anche per poter dare una qualche indicazione di cura al dermatologo.
Questo l'esito dell'esame: "notizie cliniche: sintomatica per alterazione del capezzolo di sinistra con prurito e desquamazione da più di un anno. Mammografia ed ecografia negative a giugno. A) Biopsia punch 4.0 mm di lesione cutanea del capezzolo sinistro.
Diagnosi: marginali e minimi reperti compatibili con lesione sirigomatosa".

Il senologo mi riferisce che l'esito è di poco o nullo interesse clinico/patologico, e suggerisce di farlo vedere, con tutta calma, al dermatologo.

Ad oggi non capisco cosa io abbia né cosa significhi "lesione sirigomatosa" (suppongo significasse "siringomatosa", con la "N", dato che "sirigomatoso" non è una parola che trovo nelle mie ricerche, ma non ne sono certa): non trovo un gran che di notizie in merito, e non voglio cercarne più di tanto, per non alimentare ansie spesso inutili.
Qualcosa, suppongo, debbo avere, se la situazione non accenna a migliorare da anni.
Vorrei avere in tal senso un vostro parere di massima in base a quanto ho riportato ed anche una indicazione su che tipo di dermatologo io debba cercare per avere un parere (non so se esistono dermatologi specializzati in questioni come questa): la lesione inizialmente fu vista, più di due anni fa, dal dermatologo che mi segue per follow up melanoma cutaneo (è lo specialista che mi ha dato la crema cortisonica) e mi chiedevo se devo cercare invece qualcuno che nello specifico studi problemi simili al mio, ammesso che, ripeto, questa figura esista.
Grazie molte fin da adesso.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto descrive credo che il dermatologo che la segue per il melanoma possa essere la figura di riferimento appropriata.

In realta' il termine 'siringomatoso" va riferito ad una varieta' di adenoma, sinonimo di ADENOMA SUDORIPARO perche' origina dagli annessi cutanei (COSI' PUO' TROVARLO PIU' FACILMENTE) ed e' una lesione benigna che non predispone a lesioni tumorali.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 704XXX

Dottore, grazie infinite.
Lei è preciso, chiaro e solerte come sempre.