Utente 414XXX
Buonasera dottori.A marzo mi sono recato da un urologo per farmi controllare il testicoli dx,dato che avevo avvertito una piccola pallina.mi ha rassicurato e prescritto un'ecordoppler testicolare e analisi per marcatori tumorali e psa prostatico...a distanza di qualche giorno ho cominciato ad avvertire dolore/fastidio al testicolo sx solo da seduto..non ho dato molto peso ma dopo settimane il fastidio si esteso all interno della fossa iliaca e dietro la schiena. Qualche giorno fa ho effettuato le analisi.
BHCG 0;ALFA FETOPROTEIBA 1.8; PSA 0,34
Inoltre ho effettuato l ecografia che ha rilevato solo due piccole cisti cefaloepididime a dx di 2 e 5mm. Poi il dottore che mi ha fatto l ecografia mi ha toccato vicino alla fossa iliaca e appoggiando l ecografo mi ha fattospingere come dovessi andare in bagno e mi ha detto che é pubalgia.
Sono 7 anni che non pratico sport in maniera costante. Faccio circa 10 km al giorno in bici e a casa nel tempo libero mi piace fare esercizi di strecking e isometrici soprattutto addominali e spalle.
Ca 8 anni fa sono stato curato per una prostatite penso batterica ( non ricordo). Non ho problemi di minzione.bevo 2 lt di acqua e anche piu al giorno e urino giusto.non ho eiaculazioni dolorose.Forse dopo la prostatite di anni fa i rapporti sessuali durano meno, anzi devo cercare di controllarmi meglio.Ma il rapporto è completo.
Quando tocco un punto del testicolo(sotto) ho come un fastidio. Mentre il dolore vicino alla cresta e fianco e bassa schiena ( la sensazione che in torsione deve scattare qcs)si accentuano con determinati movimenti..il dolore al testicolo sinistro solo quando sono seduto..E' possibile che sia pubalgia o mi devo recare nuovamente all'urologo?
Grazie per l'attenzione che vorrete dedicarmi.
Antonio

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Nonostante la sua dettagliata descrizione, a distanza non è possibile alcun giudizio appropriato. Abbuamo la vaga idea che molto probabilemnet non vi sia una causa urologica alla base del suo disturbo, ma la visita diretta ed attenta di un nostro Collega è doverosa.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Grazie dottore per la risposta..andrò prima da un fisiatra/ortopedico e poi faccio una capatina dall ' urologo.quello che non capisco è come se toccando un punto del testicolo sx abbia come l impressione di avere un fastidio post traumatico con relativo fastidio addome zona ileo e schiena... come se tirasse qcs da dentro...alla luce del psa, potrebbe trattarsi lo stesso di prostatite.?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Alla sua età ancora troppo giovane il PSA più che altro confonde le idee, in ogni caso si tratta di un marcatore tumorale, da non utilizzare mai per cercare di interpretare situazioni infiammatorie o di altro genere. La sua descrizione rinforza il sospetto di una irritazione neurologica irradiata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 414XXX

Buonasere dottor Piana. Torno ora dal fisiatra/ortopedico, la visita è stata minuziosa.la diagnosi è :lombalgia con DIM L2 e L3 sinistra e probabile distrazione ileo psoas. Mi ha consigliato una serie di analisi una rx lombare standard e consigliata un'ecografia renale sinistra (anche se ha escluso calcoli),e sedute di FKT con tecar lombare e laser nella fossa iliaca. La settimana prox ho appuntamento con un andrologo/urologo per una visita completa..
Il dottore ha detto che non è pubalgia..per ora.. e ha escluso problemi nervosi.Inoltre mi ha detto che potrebbe il mio essere un dolore riflesso dato che nello psoas passa un qcs che non ricordo che finisce nella zona genitale.
Può una lombalgia e probabile distrazione ileo psoas procurarmi fastidio dolore all inguine superiore e testicolo/scroto sx?( c è una parte dello scroto verso l'inguine che appena tocco mi procura fastidio)
Le dico che ora dopo la visita sono distrutto dal dolore/fastidio perché mi ha toccato dei punti dolorosi.La terrò informata.
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il muscolo psoas intrattiene stretti rapporti anatomici con i nervi che scendono verso l'iguinee l'area genitale. Diremmo che i nostri sospetti sono stati confermati. Qualdo parliamo di interessamento neurologico non ci riferimo certo ad una malattia degenerativa, quanto piuttosto ad una semplice irritazione da causa muscolo-scheletrica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 414XXX

Buonasera dottor Piana.Torno ora dall andrologo. Mi ha visitato e fatto un'ecografia. Ha trovato un varicocele sx e ha escluso che possa procurarmi il fastidio/dolore.una piccola calcificazione sul tedticolo sx. Una piccola calcificazione sulla prostata. Inoltre una iperplasia iniziale della prostata,figlia della mia età, ma gode di ottima salute,cosi come reni e fegato.Lui mi ha consigliato il ciclo di fisioterapia dopo di che se nn mi passa vorrebbe farmi fare una cura antiinfiamatoria per l edipidimo,ma solo perché riferisco fastidii/dolore in quella zona. ( dice di volermela evitare sia perche nn e' convinto e sia per il gran caldo)Dal suo punto di vista sto bene.Dell iperplasia devo preoccuparmi?
A questo punto cosa mi consiglia?
Grazie dell'attenzione

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
A 40 anni non ha alcun senso parlare di iperplasia prostatica. Per ora il trattamento fisiatrico è certamente il più indicato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing