Utente 243XXX
Buongiorno,
vi ringrazio sin d'ora per l'aiuto e l'ascolto che mi darete.

Ho 35 anni, accuso da un paio di settimane un dolore simile ad una epididimite. Soffro di colite - che sto curando con plasil, valpinax e debrum - e migliora. Ma da un pò di tempo sento un'erezione molto più debole, spesso carente al mattino e un dolore al testicolo sinistro. Non sono gonfi nè turgidi, non urino più di tanto e non ho perdite o dolori in zona perianale.
Sto attraversando un periodo un pò stressante e mi sono recato da un urologo che mi ha riscontrato una prostata di dimensioni normali ma congesta. Prescrivendo analisi sperma per batteri e vitalità. Le analisi del sangue - compreso ves tas e urine - sono perfette.
Aggiungo che a 18 anni ho subito un intervento di varicocele dal fianco sinistro e da allora, ogni tot mesi questo dolore simile ad una epidimite ritorna. L'urologo mi ha prescritto LEVITRA 10 al bisogno e bactrim forte 2cp al dì per ben 15 giorni. La colite farà festa.
Settimana prossima andrò a fare una ecografia prostatica e testicolare.

Ma vi chiedo: c'è un collegamento fra ciò che ho scritto e l'erezione o è afferente ad un discorso di stress, dolore latente e possibile ansia da prestazione? Avere l'incertezza su quale sarà l'esito non aiuta la serenità e nel frattempo ho riscontrato anche un calo della libido associato alle latenti erezioni mattutine...
Servirà del tempo per l'analisi di laboratorio perché sono in viaggio in queste settimane per cui vorrei da voi un aiuto. Cosa ne pensate? Posso affidarmi al Levitra o similari? è un discorso di possibile infezione infiammazione o sono due cose distinte?

Grazie per il vostro tempo
resto in attesa di un vostro riscontro
Franco

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Alla sua età relativamente giovane è difficile pensare ad un rapporto diretto tra quanto ci riferisce e probelmi della sfera sessuale. La componebte psico-somatica potrebbe essere prevalente. Per evitare il pericoloso circolo vizioso dell'ansia da prestazione, riteniamo opportuna la prescrizione di farmaci che aiutano l'erezione. Per il rsto, continui a farsi seguire dal suo urologo di riferimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 243XXX

Buonasera dottore, grazie per la pronta risposta.
Farò l'ecografia in settimana - mentre per le analisi del seme sarà un po' più complicato. Prenderò il Levitra e speriamo si sblocchi tutto e vediamo quale sarà il responso dell'ecografo.
La aggiorno,
grazie

[#3] dopo  
Utente 243XXX

Scusi dottore, vorrei aggiungere, ma il dolore dell'epididimite è un sintomo di prostatite? Influisce sull'erezione?
Grazie

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prostata ed epididimo sono strettamente connessi dalla via seminale (dotto deferente) pertanto è abbastanza frequente che risentano reciprocamente di eventuali infiammazioni. Tutto questo in modo molto variabile e da definire obiettivamente dallo specialista nel corso della visita. La relazione con i disturbi dell'erezione non è così meccanicamente diretta, ma si sa che qualsiasi infiammazione od alterazione a carico dell'apparato genitale possa portare qualche effetto anche sui vari aspetti della sfera sessuale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 243XXX

Molte grazie dottore per la pronta risposta. Attendo responso dell'ecografia prostatica e testicolare - e appena possibile del liquido seminale. Nel frattempo visto il calo della libido, mi affiderò al Levitra sperando tutto rientri rapidamente nella norma. La colite non può determinare la prostatite immagino, ma le emorroidi, forse sì?

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le alterazioni della funzione intestinale sono strettamente correlate all'insorgenza di disturbi delle basse vie urinarie, di fatto ne sono la causa più frequente, sia nel maschio che nella femmina.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 243XXX

Ecco il responso dell'ecografia renale prostatica sovrapubica-testicolare
"prostata di dimensioni appena aumentate e lievemente disomogenea in regione perimetrale, ben marginata (diam. long. 40mm, diam. anteropost. 32mm, diam. traverso 48mm per un volume di 32cc. regolari le v. seminali)

testicolo destro tutto ok
testicolo sinistro - epididimo leggermente aumentato a livello cefalico nel complesso meno ecogeno che di norma e modicamente disomogeneo, congesto, dolente alla pressione. Varicocele di 2° grado (sono già stato operato a 17 anni, oggi ne ho 36).

Punta d'ernia inguinale a sinistra 13mm con colletto di 17mm.

Che ne dice? Un drenante per la prostata e un antiinfiammatorio per l'epididimite? Il varicocele e l'ernia sono preoccupanti?
Grazie molte e scusi se mi sono dilungato.

[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
A grandi linee si definisce un quadro di attuale, o più verosimilmente pregressa infiammazione della prostata e dell'epididimo sinistro. A distanza non si prescrive nulla ovviamente. Una eventuale terapia dovrà essere impostata da un nostro Collega che la possa valutare direttamente associando quanto descritto dall'ecografia con quanto eventualmente rilevabile alla visita.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 243XXX

Grazie dottore per la pronta replica.
Al momento mi hanno dato
permixon 1cp
lenidase 2cp

considerando di trattare la situazione con antinfiammatorio per scongiurare l'antibiotico a luglio. se non dovesse andare in 14 gg, urinocultura ed esame sperma. Che ne dice?

Contestualmente le chiedo, vista la punta d'ernia e il varicocele di 2° grado (temevo potesse tornare) posso cmq fare una moderata attività fisica (addominali-flessioni) o devo lasciare stare?

Grazie molte.

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Sarebbero da evitare le attività fisiche che comportano bruschi aumenti della pressione addominale, in particolare la pesistica spinta. Tutto il resto dell'attività fisica non può farle che del bene.
La terapia intrapresa è molto convenzionale ed a base di integratori dall'efficacia notoriamente variabile ed imprevedibile. Da valutare i risultati apprezzabili entro tempi medio-brevi (non più di un paio di mesi).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 243XXX

Senta dottore, mi scusi, Ma una piccola ernia come quella che ho io, influisce sull'erezione?
E un varicocele di 2' grado?

E inoltre volevo chiederle, non si fanno prescrizioni sul forum ma per disinfiammare una epididimite come la mia ci sono farmaci a suo avviso più adatto?
Grazie molte per i suoi attenti riscontri.

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ernia e varicocele non possono avere alcuna influenza sull'erezione. Per il resto, l'ha detto lei, qui non si presciver nulla,a nessuno, poiché sarebbe un errore e pure un reato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente 243XXX

Pazienterò, incrociando le dita e bevendo molta acqua, aiutandomi con il levitra magari (come consigliato dall'urologo). Per il resto farò moderata attività fisica e magari a settembre procederò ad eliminare l'ernia a sinistra. Penso sia la cosa migliore, no?
Grazie ancora per la sua solerzia.

[#14] dopo  
Utente 243XXX

Scusi dottore, Quindi a conti fatti un deficit erettivo attualmente in atto potrebbe essere in parte una prostatite recidiva, in parte un po' di ansia? Quest'ultima posso tamponarla con il levitra che mi è stato prescritto in associazione alla terapia.
Grazie

[#15] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La relazione tra prostatite e deficit erettile è asolutamente variabile, tanto che se vi è una riconosciuta componente ansiosa, molto probabilmente questa ha una rilevanza molto maggiore.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente 243XXX

Aggiornamento
Gentile dottore,
Ieri sera ho preso il levitra 10 dopo cena. Erezione presente per lungo tempo ma nonostante questo non del tutto soddisfacente. Cosa devo pensare? Direi una risposta lenta e non potente come pensavo.
Cosa potrebbe essere, Poca risposta al principio attivo o prostatite da curare subito con Bactrim forte per 10gg lasciando stare lenidase e permixon?
Grazie e scusi ma non mi aspettavo di avere questi contrattempi.
Attendo sue con fiducia

[#17] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Abbia pazienza, ma già le abbiamo detto che noi non siamo qui per gestire le terapie impostate da altri Colleghi. Per quanto riguarda l'efficacia del Levitra ovviamente una sola somministrazione non può essere sufficiente a giudicare l'efficacia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#18] dopo  
Utente 243XXX

Ha ragione. Mi scusi. Ma l'esito incerto di due somministrazioni di Levitra, una ieri sera e una oggi pomeriggio con erezioni altalenanti che informazioni dà? Ansia da prestazione, prostatite o altro? Onestamente mi aspettavo un risultato diverso da questo principio attivo, cui magari posso essere poco sensibile?
Aggiungo che non ho avuto eiaculazione...

[#19] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Dalle sue parole traspare evidentemente molta ansia che può pesantemente condizionare la situazioni, in particolare come la assai perniciosa "ansia da prestazione". L'effucacia della terapia vaso-attiva è sempre molto variabile ed imprevedibile. Raramente si ottiene un buon risultato fin dall'inizio, quasi sempre è necessario aggiustare il dosaggio od anche cambiare farmaco (appartengono tutti alla stessa famiglia, ma vi possono essere delle differenze di azione tra un individuo e l'altro).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#20] dopo  
Utente 243XXX

Temo lei abbia ragione fra la prostatite e l'ansia da prestazione che si presenta con una nuova partner concomitante, la frittata è fatta. Fuori dalla camera da letto tutto bene e dentro iniziano i guai e in più temo che il levitra con me faccia cilecca (mi ha solo tenuto sveglio). Passerò al bactrim e prenderò il Cialis e speriamo sia la fine della questione. Ma per l'ansia da prestazione in se cosa posso fare?
Grazie molte per il tuo ascolto

[#21] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non assuma mai antibiotic per iniziativa personale, pratica che perlopiù porta più danno che beneficio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#22] dopo  
Utente 243XXX

No ci mancherebbe la terapia con il lenidase era una alternativa proprio a quella con il bactrim.
Invece per risolvere la questione ansiogeno?
Grazie per l'attenzione

[#23] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Certamente l'ansia non la cura l'urologo nè si può pensare che un farmaco sia sufficiente. Se si tratta di un condizionamento sostanziale è consigliabile affrontarlo con l'aiuto di uno psicologo / psicanalista.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#24] dopo  
Utente 243XXX

Francamente penso e spero che curata la prostatite (e scelto un buon coadiuvante per facilitare l'erezione) tutto si possa sistemare. Non è una questione di libido ma di risposta fisica altalenante. Altrimenti chiederò una visita\consulto. E la ringrazio per la sua solerzia e comprensione.

[#25] dopo  
Utente 243XXX

Buonasera dottore, dopo una cura con bactrim forte 2 cp die con permixon, sono stato bene per una ventina di giorni con erezioni adeguate al mattino e una ottima risposta nella giornata. ma complice l'estate non ho potuto fare lo spermiogramma e la spermiocultura e l'analisi Delle urine; e adesso avverto daccapo un fastidio all'epididimo sinistro che era scomparso e di conseguenza un calo Delle erezioni. Temo che non avendo preso un antibiotico mirato ci sia un residuo di infezione. È possibile?
Posso fare qualcosa per lenire il fastidio?
Grazie in anticipo per la sua attenzione.

[#26] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In assenza di febbre diremmo che non sia il caso di assumere degli antibiotici in modo empirico. la situazione deve ovviamente essere valuatta direttamente. Nell'attesa un semplice antidolorifico a brevi cicli può fare al caso suo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#27] dopo  
Utente 243XXX

Scusi dottore ma con l'ernia inguinale posso avere rapporti sessuali o devo stare particolarmente attento nei movimenti?

[#28] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Dipende ovviamente dal volume dell'ernia e dal fastidio che può indurre, ma in genere non vi sono problemi particolari.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing