Utente 463XXX
Salve è da un po' di tempo che ho bisogno di urinare spesso. Si è pensato prima ad una prostatite cronica, ma adesso devo fare accertamenti per controllare il collo della vescica. Siccome sono un tipo molto ansioso e questa cosa la sto vivendo molto male, esacerbando così i miei sintomi, volevo porvi alcune domande per dissolvere possibilmente dei miei dubbi, e credetemi, in questo momento per me è molto importante.

1-Secondo il mio urologo nella sclerosi, se non accompagnata da altri problemi tipo la prostata ingrossata, la ritenzione acuta/completa è un
evento raro. Avete una casistica simile?

2-nei vostri casi di ritenzione completa da sola sclerosi/rigidità del collo, solitamente c'è stata una certa progressione, più o meno rapida,
nella sintomatologia prima dell'evento acuto ( cioè essere passati per una situazione di semiritenzione, difficoltà alla minzione ecc..); oppure
è accaduto anche all'improvviso, in modo acuto (partendo cioè da sintomi sfumati arrivando immediatamente alla ritenzione completa, ossia con un peggioramento immediato da una minzione all'altra)?

3-Di solito una problematica al collo vescicale può dare solo riduzione di flusso senza altri sintomi come difficoltà ad iniziarla o
gocciolamento ecc..? Soprattutto con il passare del tempo, quando questa riduzione diventa più evidente, generalmente non dovrebbero esserci anche questi altri sintomi?

Scusandomi per le numerose domande ringrazio tanto in anticipo a chi avrà la cortesia e la pazienza di rispondere.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
1) E' vero, concordiamo con il Collega.
2) Nel caso sarebbe preceduta da disturbi ingravescenti difficilmente equivocabili.
3) Tutti i sintomi che ci riferisce possono essere variamente collegati a questa patologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 463XXX

Dottore è stato gentilissimo nel rispondermi è molto chiaro. Solo, se possibile, una delucidazione sull'ultima domanda.
Siccome avevo inteso leggendo di qua e di là, che la malattia del collo generalmente, soprattutto col tempo e con l'aggravarsi desse, oltre alla riduzione di flusso,almeno qualche altro sintomo disurico, pensavo che la persistenza del solo primo sintomo possa far pensare più a un problema tipo contrazione della vescica, che una problematica esclusiva del collo.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Disuria è un sinonimo di sintomi ostruttivi. I disturbi irritativi sono definiti stranguria e non sono molto tipici delle sindromi del collo vescicale. Comunque questi sono dettagli nosologici che a lei ovviamente non interessano.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 463XXX

Dottore mi scusi ma mi sono espresso male. Quando dico contrazione della vescica intendo come se i muscoli della vescica non "spremessero" bene l'urina presente, che non si contrae bene per espellere tutta l'urina data la presenza di solo flusso lento. Comunque volevo solo sapere se è vero che generalmente, salvo l'imponderabile, col tempo con l'aggravrsi della sclerosi, a questo sintomo si associano anche gli altri come l'esitazione, la difficoltà a farla,ecc...
Mi scuso se approfitto ancora della sua pazienza

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'indagine urodinamica è in grado di differenziare se il flusso lento sia dovuto ad un'ostruzione ovvero ad una scarsa contrazione del muscolo detrusore vescicale. Per il resto, ci pare di averle già risposto nel nostro primo contributo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing