Utente 403XXX
Salve a tutti volevo porre una domanda,
Dopo due anni di terapia per prostatite(antibiotici per 8 mesi nonostante analisi sempre tutte negative,e antinfiammatori di ogni genere)sono stato operato per sclerosi serrata del collo vescicale.
A 36 giorni di distanza dall'intervento noto che il getto pian piano si sta indebolendo nuovamente.
Mi spiego meglio.
Premetto che mi è stata fatta solo un'incisione! A ore 7..vista la mia giovane età..ma l'intervento era l'unica cosa da fare perché la terapia farmacologica non funzionava e addirittura andava in ritenzione alcune volte.
Nei 15 giorni successivi all'intervento il getto era tornato nella norma,forte e riuscivo a svuotarmi,l'unico fastidio che avevo era l'urgenza che quasi ogni ora mi portava ad urinare(anche con poca urina).
Adesso a distanza di quasi 40 giorni ho notato il che il getto si è ridotto e devo urinare molto spesso,sembra che i fastidi si ripropongono nuovamente.
Nel post operatorio ho seguito tutto alla lettera,(quasi 3 litri di acqua al giorno,infatti non ho alcun tipo di bruciore...non guidare molto e fare un'alimentazione corretta)
Dopo 27 giorni dall'intervento ho ripreso l'attività sessuale e proprio dopo aver ripreso mi sono accorto che i fastidi sono un po' peggiorati..
Per 25 giorni ho evitato anche ogni tipo di sforzo..
La mia domanda è può l'attività sessuale o gli sforzi in generale aver fatto qualche danno al collo facendo cicatrizzare male la ferita?
Rientra nella norma che ci sia un peggioramento dopo aver terminato la terapia consigliata per poi con il tempo sistemarsi?
Voglio sottolineare che non ho nessun tipo di bruciore...ho solo qualche bruciore alla ferita dopo aver fatto sforzi sessuali!

Grazie per la gentile attenzione!!!

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Che si vada incontro ad una stabilizzazione è certo, su quali livelli e se soddisfacenti o meno è difficile dire. Fra poco immaginiamo lei dovrà eseguire una flussometria minzionale ed in base a quello si vedrà se l'intervento di minima eseguita può considerarsi soddisfacente o meno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 403XXX

Salve dott Piana...avevo scritto qualche mese fa sulla diagnosi incerta la quale era vescica neurologica o sclerosi del collo vescicale?
Non ho potuto commentare sotto quel post per aggiornare visto che era passato qualche mese.cmq li,lei era l'unico che aveva risposto in modo molto chiaro a tutti i miei dubbi!
Quindi diciamo gli sforzi sessuali o qualche altro tipo di sforzo non incide sulla cicatrizzazione?
Quando ho un po' più di urina devo utilizzare un po' il torchio perché ho difficoltà..e ho un flusso a ventaglio
E mi è stato detto che ho una vescica trabecolata!

La ringrazio come sempre!

[#3] dopo  
Utente 403XXX

Dimenticavo la diagnosi è confermata sclerosi del collo vescicale,marcato innalzamento del collo

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
"Trabecolata" vuol dire che la sua vescica in passato si è di molto sforzata, tanto che i fasci muscolari si sono irrobustiti al punto di trasparire e sollevare la mucosa dando questo aspetto reticolare. Diremmo che l'ativvità sessuale normale non possa essere colpevolizzata più di tanto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 403XXX

Spero che sia solo questione di tempo...
Certo urino un pò meglio,ma non così bene da stare qualche ora senza urinare,cioè riesco a svuotarmi ma quasi ogni ora devo urinare con sempre qualche fastidio!

La ringrazio per i chiarimenti gentilissimo dott Piana