Utente 386XXX
Buongiorno dottori..dopo un mese di almeno 10 coliche il calcolo è sceso nella zona intramurale vescicale,esattamente una parte dentro la vescica è l'altra ancora in uretere,sto per finire la cura della terapia esplulsiva..mi chiedevo esattamente le possibilità di espulsione spontanea quante sono?esattamente la zona intramurale vescicale significa che praticamente è mezzo in vescica e mezzo in uretere?qui il bombardamento funziona?

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Purtroppo lo sbocco in vescica (meàto) è quasi sempre il punto più stretto e meno compiacente di tutto l'uretere. Infatti una buona parte dei calcoli non destinati ad essere espulsi si ferma in questo punto. Le possibilità di passaggio sono assolutamente imprevedibili, in linea di massima più il tempo passa e più il calcolo dimostra pigrizia. Pertanto, nel suo caso si può ragionevolmente far conto solo sulla fortuna. Come probabilmente le abbiamo già scritto, le indicazioni dipendono essenzialmente dalla frequenza e dall'intensità dei disturbi. Se lei ci parla di 10 coliche, qualsiasi nostro Collega di buon senso avrebbe già posto da tempo indicazioni all'intervento endoscopico risolutivo. Un calcolo in sede pre-vescicale può teoricamente essere trattato con le onde d'urto, ma con una efficaia talmente variabile ed imprevedibile che di fatto la pratica è caduta in disuso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 386XXX

Potrei tentare quindi con le onde d'urto?

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come suo dire, tentar non nuoce, ma le reali possibiltà di soluzione effica. Lei insìdicazioni propendo senz'altro verlo l'intervento endoscopico (reteroscopia operativa), in quelsto caso un iitervento rapido, semplice e di sicura efficacia in mani esperte.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 386XXX

Ho capito..grazie dottore per le risposte