Utente 369XXX
Premetto subito che questa domanda non la porgo per me, ma per un amico di 18 anni (molto ansioso è un tantino ipocondriaco) col quale ho avuto modo di frequentarmi (io sono bisex, lui omosessuale) e il quale recentemente ha dovuto fare i conti con un problema che, questa mattina, ho convinto a far vedere, accompagnandolo personalmente da un'urologo, il quale ha dedotto trattarsi, come da oggetto, di edema prepuziale da sfregamento.

Ora NON volendo io entrar nel merito della diagnosi del medico che ha avuto il privilegio rispetto a voi che mi leggete solamente, di visitarlo, MA avendo sentito il mio amico con il morale veramente a terra perché a suo dire non ha risolto niente in quanto il medico gli ha detto che non può farci nulla, e che tra l'altro non è detto non ricapiti, sono qui a chiedervi, ringraziando in anticipo quanti si prenderanno la briga di rispondermi, qualche consiglio su come il mio amico può gestire questa situazione ed evitare (o almeno provare) che ricapiti, ma soprattutto capire se abbiamo sbagliato qualcosa, e cosa eventualmente fare per confortarlo e fargli ritrovare quella fiducia in se stesso, che al momento ha perso.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il prepuzio è una struttura anatomica abbstanza delicata ed è normale che se viene "strapazzato" protesti rigonfiandosi, come accade d'altronde in quasi tutte le alpre parti del corpo. Non essendovi all'interno alcuna struttura di sostegno è anche ovvio che questo gonfiore (èdema) possa essere più consistente. Se il prepuzio è molto abbondante o vi è qualche difficoltà allo slittamento sul glande si pongono eventuali indicazioni alla circoncisione. Altrimenti davvero dal punto di vista medico c'è ben poco da dire, se non consigliare di andarci più cauti ed utilizzare il preservativo. Il tutto ci pare comunque un po' sproporzionato ad indurre una reazione emotiva così rivolta alla depressione. be altri sono i problemi per cui è il caso di preoccuparsi ...
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing