Utente 388XXX
Salve, sono una ragazza ho quasi 25 anni e da un po' d'anni ho problemi di minzione. I sintomi sono sensazione di avere la vescica piena, quando urino il flusso esce con gettito regolare ma sento che la vescica non si è svuotata del tutto (sintomo di mancato svuotamento) e alcune volte rimane un bel po' che esce a gettito intermittente e spesso mi devo sforzare contraendo la parte addominale del corpo per espellerla. Finisce che rimango nel bagno come minimo mezz'ora ma ci sono delle volte che arrivo a stare anche due ore in bagno. Secondo voi potrebbe essere ostruzione dell'uretra, o il mancato rilasciamento dello sfintere urertale o svuotamento disfunzionale o uno stimolo eccessivo che mi induce ad urinare anche quando la vescica è completamente vuota anche se delle volte, come già detto, rimane un bel po' di residuo. Che cosa potrebbe essere?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Non vorremmo che sotto quanto ci riferisce vi fosse anche un importante condizionamento psicologico. Comunque, compito dello specialsita è quello di individuare ed escludere tutte le possibili cause organiche. Le consiglieremmo pertanto di sottoporsi alla visita di un nostro Collega specialista in urologia. Già la visita diretta può essere molto suggestiva, ma se oportuno si potrà iniziare un percorso di accertamenti, soprattutto dal punto di vista funzionale (es. indagine urodinamica).
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 388XXX

In risposta al primo dottore che mi ha risposto mai è mai possibile che qualsiasi problema uno abbia deve essere condizionamento psicologico? Che rabbia! Inoltre ho letto tante persone che hanno il mio stesso problema che siamo tutti condizionati psicologicamente nello stesso modo? In secondo luogo tutti hanno ricevuto risposte "normali" al problema non capisco perchè appena scrivo io: "non è che un condizionamento psicologico?" Poi non dite che sono aggressiva che il mio comportamento dipende dal comportamento degli altri... ma non ne posso veramente più di ogni problema e ti fa male il piede, e ti fa male il dito e ti fa male la testa, e ti fa male la pancia, qualsiasi dolore è diventato: "ma non è un condizionamento psicologico?" Non se ne può più e basta!!!!

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per sua comodità, ci permettiamo di sottoporle nuovamente anche il resto il resto della nostra risposta:

"Comunque, compito dello specialsita è quello di individuare ed escludere tutte le possibili cause organiche. Le consiglieremmo pertanto di sottoporsi alla visita di un nostro Collega specialista in urologia. Già la visita diretta può essere molto suggestiva, ma se oportuno si potrà iniziare un percorso di accertamenti, soprattutto dal punto di vista funzionale (es. indagine urodinamica)."
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing