Utente cancellato
Gentili Dottori,
da ieri pomeriggio soffro di un fastidioso bruciore durante la minzione. La situazione oggi è un po' peggiorata, poiché è comparsa qualche piccola macchiolina di pus e poiché è aumentata la mia temperatura corporea (in questo momento ho 37.2 di febbre). Il bruciore si attenua quasi del tutto se bevo molta acqua.
Premetto che non mi era mai capitato.
Premetto, inoltre, che escludo la trasmissione di un'infezione tramite rapporti sessuali, che non ho da diverso tempo.
Premetto, infine, che da circa 20 giorni sto facendo una cura contro la dermatite seborroica, ed assumo 4 compresse di diathynil al giorno. Ho letto che il principio attivo del diathynil viene espulso tramite le urine, per cui vi pongo alcuni dubbi:

1) questo bruciore può essere causato dall'assunzione del diathynil ? (Il dermatologo lo esclude, ma visto che non sono solito prendere farmaci, mi sembra una strana coincidenza).

2) un'eventuale infezione potrebbe essere stata causata da una alimentazione sregolata ? (io mangio molto sushi, carne rossa e poca frutta)

3) considerato che i laboratori di analisi (per un'eventuale urinocoltura) ed il medico curante saranno chiusi fino a lunedì, come devo comportarmi nel frattempo per attenuare i disturbi, a parte bere molta acqua ?

4) per fare abbassare la febbre posso assumere la tachipirina, o rischio di peggiorare la situazione visto che è probabile un'infezione in corso ?

5) se la situazione non dovesse migliorare entro lunedì sarebbe consigliabile recarsi al pronto soccorso ?

Vi ringrazio in anticipo per la cortese attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La vitamina H (biotina) che lei sta assumendo per motivi dermatologici non può dare questi effetti collaterali. Da quanto ci riferisce, è probabile che sia in corso una irritazione/congestione della prostata, la cui causa è difficile da definire, quantomeno a distanza. E' verosimile che sia opportuna una terapia (anti-infiammatoria , antibiotica, ecc.), ma prima la situazione deve essere valutata direttamente da suo medico curante ovvero un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing