Utente 481XXX
Buongiorno, a seguito di recidivanti episodi di postite, balanopostite, nicturia e bruciori alla minzione, spesso associati a periodi di irregolarità intestinale (stipsi/diarrea e meteorismo, ho eseguito 2 accertamenti che hanno messo in evidenza il seguente quadro:

1) test di Maers: primo getto positiva presenza di DNA ureaplasma UREALYTICUM, negativa post massaggio prostatico
2) disbiosi test sulle urine: livello di indicano 78 (disbiosi grave), livello di scatolo inferiore a 1 (negativo)
3) esami celiachia: negativi

Chiedo un vostro parere sulla terapia suggerita: 2 settimane di BASSADO 100mg, 2volte/die, poi ripetizione test di Maers.
E' idonea una terapia antibiotica nonostante una disbiosi severa? Non è forse quest'ultima la causa della uretrite/prostatite, anche in assenza di transito batterico nella prostata?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Lei ha sostanzialmente ragione, l'azione sull'intestino è sempre prioritaria ed essenziale, ma se le manifestazioni urologiche sono consistenti, come ci riferisce, forse un ciclo di terapia antibiotica non troppo protratto potrebbe ritenersi necessario.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 481XXX

Gentile Dr. Piana, nel ringraziarla per il tempestivo riscontro, accolgo il suo invito ad iniziare un primo ciclo di antibiotico.
Le chiedo se sia opportuno associare alla terapia con Bassado anche dei fermenti lattici (quali?), o altra indicazione che lei voglia suggerirmi per evitare di aggravare la disbiosi intestinale con l'antibiotico.
Un cordiale saluto

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'aspetto intestinale deve essere affrontato seriamente da specialisti competenti, ovvero il gastro-enterologo ed il nutrizionista. Per ora, l'assunzione di probiotici, fermenti lattici e yoghurt, in assenza di intolleranze, è certamente consigliabile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing