Utente 499XXX
Buongiorno a tutto lo staff di Medicitalia, quest'oggi vorrei avere delucidazioni in merito all'orchiectomia con protesi testicolare che mi è stata proposta ieri in quanto i dolori cronici associati a orchiepididimiti recidivanti (con precedenti esplorazioni testicolari d'urgenza che hanno riscontrato malformazione ed asportazione parziale dell'epididimo, portatore di fibrosi cistica e agenesia totale del deferente dx e piccolo idrocele a sinistra) che da ormai 4 anni hanno abbassato la qualità della mia vita ed ogni 3/4 giorni torno in PS per questi dolori associati a vomito e febbre. Una volta firmato il consenso informato e l'accettazione del ricovero proprio oggi mi sono venuti dei dubbi che vorrei esporre:
1. Per quanto riguarda l'impianto della protesi c'è rischio di rigetto? Se si come si può ovviare a questo problema?
2. Durante l'intervento è necessario il catetere vescicale? (Lo chiedo perché ho la fobia)
3. Ci sono metodi per tutelare il testicolo controlaterale? Se si come si possono evitare imprevisti?
4. I tempi di recupero al 100% quali sono?
Ultima notizia ma non meno importante ho eseguito criosconservazione del liquido seminale (15 pailette) in 3 prelievi differenti
In attesa di riscontro porgo distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

decisione finale da prendere sempre con il suo urologo di fiducia e con lui discutere per bene i suoi dubbi e le sue paure.

Da questa postazione possiamo sintetizzare:
al quesito 1: sì "c'è il rischio di rigetto”;
al quesito 2 : no, non è necessario il catetere vescicale;
al quesito 3 : no, non ci sono metodi per tutelare il testicolo controlaterale;
al quesito 4 : generalmente , se non ci sono particolari problemi post-chirurgici “i tempi di recupero al 100% “ si avvicinano ai 15-20 giorni.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare indicazioni corrette e mirate e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 499XXX

La ringrazio, molto chiaro ed esauriente