Utente 505XXX
Salve
Da un verosimile tromboflebite al pene solo diagnosticatami con visita urologica e seguendo terapia con Essaven per giorni 20 ... la protrusione al pene non è rientrata ... effettuata anche ecografia peniene basale con soospetta Ipp... con placca fibrocalcifica si suggerisce una compressa da prendere a metà pomeriggio di piorenevie plus per 4 mesi e mi si consiglia un eco color doppler dinamico ... ora chiedo se è possibile asportare chiurigicamente la“ placca „ ?(la quale ancora non è indurita e non ha creato al momento nessuna curvatura del pene.. considerando che dalla mia infelice scoperta di questa pallina al pene sono trascorsi circa 7settimane Senza nessun positivo riscontro ... ) se si? Quali sono le controindicazioni? E come effettuarla o cosa debba fare per risolvere questo problema? Che ricordo fase iniziale?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'insorgenza e lo sviluppo delle placche dei corpi cavernosi (induratio penis plastica o malattia di La Peyronie) è ancora poco conosciuta, pertanto non esistono farmaci assolutamente specifici e di efficacia certa. Una di queste terapie è la somministrazioe per lunghi periodi di vitamina E e paraminobenzoato (come nel Peironimev Plus che lei cita). I risultati sono poco prevedibili e piuttsto variabili, comunque abbastanza spesso si riesce quantomeno a risolvere il dolore locale e stabilizzare l'incurvamento. Nei casi più gravi, la risoluzione è chirurgica, ma non si basa sulla sola asportazione della placca, poiché la cicatrice che verrebbe a formarsi molto probabilmente non risolverebbe la situazione, ma rischierebbe addirittura di peggiorarla.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 505XXX

La ringrazio vivamente per la sua celere risposta.... quindi si può dedurre che la somministrazione del tipo di farmaco per lunghi periodi può stabilizzare L incurvamento? ... non risolverlo ..?! in che tempi? E si potrà avere una vita normale ( anche sessuale?) con le dovute precauzioni e accortezze? Se sì ( quali a riguardo di accortezze e precauzioni)?...

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le placche di IPP sono problematiche solo relativamente all'attività sessuale, o perché l'erezione risulta dolorosa, oppure perché l'incurvamento del pene in erezione è tale percui la penetrazione diventa impossibile. In genere le cure sono più efficaci sulla prima delle due condizioni. Se l'incurvamento stabilizzato è modesto e non vi è impaccio o dolore alla penetrazione, non vi sono indicazioni chirurgiche. L'eficacia di qualsiasi terapia (farmaci, infiltrazioni locali, onde d'urto, eccetera) non è mai immediata, ma si può valutare solo dopo alcuni mesi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing