Utente 438XXX
Gentili dottori , sono un ragazzo di 26 anni, premetto che soffro di ansia e attacchi di panico e di emicrania con aura da tanti anni, sono seguito da un neurologo con la seguente terapia, sertralina 50 mg xanax, Depakin chrono,300mg ed ezequa 30 mg. Vi scrivo perché circa un mese e mezzo fa ho iniziato ad avere problemi ad urinare(o meglio c'è l'ho da anni ma nel ultimo periodo si è presentato in forma più acuta) in pratica impiego tanto tempo ad urinare cioè l'urina non mi usciva subito, il medico mi ha detto che si trattava di una cistite e mi ha prescritto la ciprofloxacina, e ho fatto le analisi al sangue azotemia e creatinemia e quelle alle urine prima di prendere l'antibiotico risultate negative, il problema sembrava in parte risolto. Da 3 settimane ho iniziato ad avere le tonsille infiammate e con le placche e due volte ho avuto la febbre, ho provato l'amoxocillina e l'augumentin ma le tonsille non si sgonfiando infatti ho prenotato una visita orl e sto aspettando il risultato del tampone alle tonsille, la cosa che mi preoccupa è che da 2 giorni ho soprattutto ieri urinazione frequente, dolore allea vescica e al basso ventre è ai reni e ieri ho avuto anche incontinenza , ho fatto le analisi alle urine oggi e sono risultate negative, c'erano 400 batteri e soglia era da 0 a 800,vi volevo chiedere potrebbe trattarsi di una vescica neurologica? Può essere un tumore o un infezione? Scusate per le domande capisco che è un consulto on line ma sono preoccupato, ho fatto anche diversi controlli tra cui visite neurologiche, RM encefalo e Angio-Rm, Tac, EEG, visite oculistiche, campo visivo, elettrocardiogramma e altre analisi del sangue risultati negativi, un ultima cosa questo problema alle tonsille può essere collegato a questo problema urologico? vi ringrazio in anticipo per la risposta Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Per fare quanta piú chiarezza possibile è meglio affrontare le situazioni una alla volta separatamente e non voler cercare da subito un elemento unifixpcante, che difficilmente esiste. Alla sua giovane età, disturbi urinari di tipo ostruttivo (flusso debole, esitazione) sono sempre sospetti per la presenza di malformazioni congenite, in particolare se gli accertamenti di primo livello sono negativi o poco suggestivi. Da esludere invece decisamente situazioni tumorali ed infettive, che avrebbero manifestazioni comoletamente diverse. Senz’altro la sua attitudine psicologica puó influire sulla perceziine dei sintomi, assai facilmente amplificandoli. Le consigliamo dimaffidarsi ad un nistro Collega,soecialista in urologia con il quale riesca ad intrattenere un buon rapporto di comunicaziine e fiducia, per valutare se sia il caso di approfondire gli accertamenti in modo opportuno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 438XXX

Gentile dottore la ringrazio per la risposta, settimana prossima spero di fare la visita urologica e speriamo che si riesca a fare chiarezza
Cordiali saluti