Utente 506XXX
Salve, ho letto tra le varie risposte che avete fornito chela presenza di eiaculazione retrograda non indica per forza una maggiore efficacia di un alfalitico rispetto ad un altro che non la provochi. Allo stesso tempo è stato scritto più volte che la mancanza di eiaculazione è una prova indiretta che l'alfalitico sta "funzionando". Io ho interpretato questo come il fatto che l'eventuale mancanza di eiaculazione retrograda non sta ad indicare che il farmaco non funzioni e non dia benefici(le varie situazioni e reazioni sono soggettive); cionostante la presenza eventuale di questo effetto collaterale dimostra che il collo della vescica, grazie all'azione dell'alfalitico, è attualmente bene aperto. E' corretto? Grazie in anticipi a chi avrà la gentilezza di rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Sostanzialmente, é corretto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 506XXX

Dottore mi scusi se la ringrazio con ritardo ma ho avuto dei problemi famigliari questi giorni.
Le ho fatto la domanda precedente perchè dai primi di Agosto ho difficoltà ad urinare e il mio medico curante, in attesa della visita specialistica impossibile da fare subito dato il periodo estivo, mi ha prescritto degli alfalitici. Questi da subito mi hanno procurato eiaculazione retrograda totale senza alcun beneficio a livello sintomatico. Dato che in questo momento dovrei avere il collo aperto, dimostrato appunto da questo effetto collaterale,l'assenza di miglioramento mi fa pensare che la causa dei miei problemi sia altro e che al collo non c'è niente oppure, anche se qualcosa c'è, l'alfalitico sta funzionando ed è solo l'altra eventuale problematica ad agire attualmente.E' plausibile secondo lei?

Poi un'ultima cosa: siccome l'alfalitico usato è l'omnic volevo sapere se anche per quest'ultimo l'eiaculazione retrograda è causata dal fatto che lascia il collo aperto oppure il meccanismo di questo farmaco è diverso ed impedisce l'eiaculazione indipendentemente dal fatto che rilasci il collo o meno. Questa domanda perchè ho letto che la tamsulosina è più specifica per la prostata e che possa dare eiaculazione retrograda anche senza benefici al collo della vescica come mi pare scritto anche da lei tempo fa:
https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/309033-alfalitici_effetti_collaterali_funzionano.html.

La ringrazio tanto.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gli alfa.litici funzionano tutti allo stesso modo, condividendo efficacia ed effetti collaterali, seppure vi possano essere delle piccole differenze da soggetto a soggetto. L'efficacia è certamente maggiore nelle ostruzioni di origine prostatica, meno nelle sclerosi del collo in cui la componente muscolare può essere minima e soppiantata da una fibrosi e scarsa elasticità del collo vescicale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing