Utente 446XXX
A seguito di alcuni problemi urinari e dolori addominali nella parte alta a fine maggio ho effettuato una eco addome completo. é risultato essserci un pancreas disomogeneo, colecisti lievemente ispessita con sludge biliare, anche utero disomogeneo e richiesta di visita endocavitaria. Tuttavia nulla a carico di vescica, reni e tutto il resto. Ma i dolori rimangono. Ho tenuto un diario minzionale in cui è evidente che urino sempre 500/600cc in più rispetto a quello che bevo. sempre. tutti i giorni. dunque sempre a fine maggio effettuo analisi del sangue: creatinina, azotemia, glicemia, uricemia sono nella norma. Qualche giorno fa effettuo analisi urine; colore limpido peso 1020 (è normale???.. io urino sempre più di quello che bevo), niente acetone nè emoglobina. niente di niente. ma RADI VELI DI PROTEINE e RARISSIME EMAZIE E RARI LEUCOCITI. (dopo 3/4 giorni mi è venuto il ciclo). effettuato urinocoltura ma è negativa. fra un mese i primi di ottobre ho risonanza magnetica addome superiore per il pancreas disomogeneo di cui le parlavo.sentito il medico di base per telefono oggi mi ha detto che magari può cambiarmi l'impegnativa e farmi fare una risonanza addome completo per valutare anche reni e vescica- e dopo il ciclo andrò a rifare le analisi (creatinina glicemia etc che mi serviranno anche per il mezzo di contrasto) ma sto molto male. da anni. da 8mesi ho due dita storte e il mio medico di base dice che sotto c'è una malattia autoimmune ma non viene fuori. per tutti questi problemi cosa potrei fare? tanta urina può significare diabete, a fine maggio la mia glicemia era a 78... può avere a che fare in qualche modo con il pancreas? e queste rare proteine e rarissime emazie possono c'entrarci qualcosa? dottore, sono 4annni e mezzo che vivo stando male con disturbi di ogni genere. ogni anno peggiora la situazione. ora anche tanta tanta urina... nessuno medico riesce a dirmi com'è possible che da quando ho 34 anni sto così male (ora ne ho 39). sono stanca e senza forze. sono in cura con sequacor 1,25 perchè il battito cardiaco da quando sto male è sempre alto e prendo anche 1mg d i xanax per dormrie da 3 anni perchè da quando sono malata non riesco a riposare per i dolori. ho sempre ferro basso. sempre. non sale piu conterapia marziale. sempre acido fo0lico basso. da anni. sempre fibrinogeno un poco alto. sempre immunoglobuline igG un poco alte. qualcuno può darmi almeno un suggerimento^? la sanità mi ha completamente abbandonato. ogni 3 mesi spuntano nuovi esami sballati, TUTTI i medici che ho visto mi dicono che sotto c'è di sicuro una patologia autoimmune ma nessuno sa dirmi quale. ho dovuto abbandonare il lavoro, sono sempre debole, sempre feci molli...ora anche i disturbi urinari. almeno potete dirmi che fare per tanta urina e per le emazie? la risonanza può essere dirimente? ho perso le speranza di stare bene, mi sto davvero spegnendo, ho speso 20000 euro in questi anni e ogni anno è peggio. addirittura non muovo più bene due dita... c'è una qualche malattia autoimmune che puç interessare anche l'apparato uirinario? il reumatologo ed è un professore famoso mi ha risposto che non sa che diavolo io possa avere. davvero in Italia stiamo cosi inguaiati che 20 medici non mi sanno dire perché sto tanto male? vorrei tanto un aiuto, ho 39 anni e mi sto spegnendo. è come se inel mio corpo non funzionasse più nulla. quando si urina più di quanto si beve cosa può essere? so del diabete ma le analisi a giugno erano nella norma. e perchè le proteine e le emazie? il mio medico sostiene che io abbia il lupus. ma 3 anni fa le analisi erano negative. non sanno più cosa fare e io nemmeno. scusatemi se scrivo tutto questo ma ho tanto bisogno di aiuto

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Comprendiamo le sue preoccupazionimed incertezze, ma certamente i suoi disturbi non sono collegabili a problemi di interesse urologico, che certamente sarebbero già stati evidenziati anche dagli accertamenti di primo livello. Le alterazioni dell’esame delle urine paiono lievissime e la densità urinaria è da considerare normale per le prime urine del mattino. In particolare non si puó sospettare una diluizione urinaria anomala da diabete mellito o diabete insipido. Per quanto concerne il volume delle urine sarebbero anche da indagare le abitudini alimentari. Attendiamo gli esiti della risonanza magnetica, ma non ci attenderemmo particolari alterazioni, almenomdal punto di vista urologico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 446XXX

Dottore grazie. Io mangio poca frutta e poca verdura. al massimo una porzione o due al giorno e non tutti i giorni. quindi anche per questo le dicevo che mi preoccupa la quantità di urina. in realtà guardando il diario minzionale che mi ha fatto tenere il medico bevo sempre circa 1litro
e mezzo e ne urino 2 e mezzo anche. Quindi talvolta anche più di un litro in più. per quanto riguarda la densità urinaria. le dico che quella notte ho bevuto e avevo urinato alle 2 e alle 4 di notte. io ho portato in laboratorio le urine delle 9 del mattino. quindi solo dopo 5ore dall'ultima urina. infatti non era scurissima ma neanche bianca. è un problema questo? il fatto che io beva la notte e urini anche può dare un risultato falsato per quanto riguarda il peso specifico? 1020 è un parametro nella norma come lei dice ma potrebbe essere falsato secondo lei? il fatto è che la notte dormo poco e magari mi capita di bere e la voglia di urinare purtroppo se sto sveglia c'è sempre. poi quella sera avevo mangiato tardi e quindi ho bevuto anche durante la notte. sono riuscita a trattenermi giusto 5ore perchè dormivo. spero mi risponderà-. grazie mille e buona giornata

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Abbiamo la sensazione che ci si stia concentrando su dettagli di poco conto, e comunque sarebbe sufficiente valutare la densità delle urine anche in altri orari ricorrendo alle semplici striscioline reattive. Per quanto riguarda la sospetta iper-diuresi, si possono effettuare degli esami sul siero (vasopressina, adh, aldosterone, eccetera) che però sono di competenza endocrinologica e non urologica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 446XXX

Ha ragione dottore. Di certo per 6 ore non ho bevuto però mi sto preoccupando proprio perchè magari essendo piu diluita vuol dire che il prossimo esame che farò sulle urine i risultati saranno ancora più seri. non più i radi veli di proteine o solo emazie ma qualcosa di più imponente. Visto che il mio medico mi ha chiesto comunque di ripetere l'esame dopo il ciclo. Io purtroppo quella notte non ho proprio dormito e ho mangiato e bevuto, complice anche il caldo terribile, non pensando che avrei dovuto fare l'esame dopo 6 ore. Per quanto riguarda la quantità di urina ne sono certa. ieri per esempio ho bevuto 1litro emezzo e urinato 2litri e 100. senza mangiare frutta ne verdura. sono parecchio spaventata perchè so che potrebbe derivare da molte cose (anche problemi al cuore o di diabete visto che ho quel pancreas disomogeneo). le volevo chiedere un'altra cosa. In qualche modo lo xanax che prendo da 3 anni e mezzo (1mg, anche 1,5 mg al di) potrebbe aver provocato qualche problema renale?. insieme al mio medico stiamo cercando di ridurlo ma purtroppo senza una dose forte di xanax non dormo neanche un'ora. (cosa che peraltro ha spinto il medico a prescrivermelo anni fa... dormivo 15 minuti a notte). per quanto riguarda gli esami che mi ha consigliato lei... devo preoccuparmi? leggo di tumori,dei surreni di diabete insipido... malattie a cui nessuno ha mai pensato in questi quasi 5 anni

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il danno renale non è comune per le benzodiazepine. D'ogni modo la sua situazione dovrebbe essere inquadratra a livello endocrinologico ed internistico, come le abbiamo già scritto noi urologi non abbiamo molta voce in capitolo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 446XXX

Grazie dottore. Ho scritto in questa sezione proprio per la presenza delle proteine e delle emazie: non sollo per la quantità di urine. rifarò gli esami e poi vedrò a chi rivolgermi anche se in questi anni già mi hanno visitato 3 internisti (tra gli altri) senza arrivare a nulla. Grazie mille

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La presenza di alterazioni del sedimento, in assenza di altri evidenti problemi a carico degli organi dell'apparato urinario è eventualmente di interesse nefrologico. Qui stiamo però parlando di alterazioni impercettibili, sulle quali forse lei si sta forse concentrando eccessivamente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 446XXX

Si, ha ragione ma io sto urinando 2litri e mezzo di liquidi a fronte di un litro e mezzo che bevo. Questa è la cosa che più mi preoccupa. la prossima settimana farò un ecocuore e le analisi del sangue. sto veramente malissimo.

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Riveda il nostro contributo #5
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 446XXX

si, grazie, l'internista vuole che rifaccia le analisi fatte 3mesi fa (urea, azotemia, glicemia, creatinina etc etc), rifare anche l'analisi delle urina dopo il ciclo e mi ha prescritto per ora l'ecocuore

[#11] dopo  
Utente 446XXX

Dottore mi scusi il disturbo, ho rifatto le analisi delle urine e le proteine non ci sono più, ma persistono dopo circa un mese le emazie (prima rarissime., ora "alcune"). inoltre il peso specifico è 1015. non è indicato nessun range di riferimento ma credo sia basso. ho effettuato 4/5 giorni fa glicemia creatinina e azotemia e sono nella norma come tutte le altre indagini di routine. inoltre le urine sono sempre più abbondanti di quanto beva. ieri il medico mi ha prescritto pth, acth e adh che effettuerò domani. fra due settimane devo fare una risonanza all'addome superiore per visualizzare il pancreas e la colecisti ispessite. sono visibili anche i reni nella risonanza all'addome superiore? cosa potrei fare? ho prenotato una visita dall'urologo ma me l'hanno fissata fra 45 giorni...ho spesso dolore lombare e queste emazie escono la seconda volta di seguito... il mio medico di base latita e io non so cosa fare. può suggerirmi qualcosa nell'attesa? potrebbe essere nulla? ho timori di avere qualche brutta patologia. a volte ho anche ..anzi spesso...senso di peso vescicale e un poco di bruciore quando urino. l'urinocoltura fatta un mese fa è negativa. ho fatto una eco addome completa e nulla si rilevava a livello di reni e vescica. fra 20 giorni ho anche una visita da un reumatologo immunologo perchè sospettano il les o una patologia autoimmune similare. nell'attesa può darmi qualche suggerimento? come le dicevo sto male da quasi 5 anni e ogni anno sto peggio, con interessamento di nuovi organi... ho molta paura di avere un tumore al rene. non ho mai avuto sangue nelle urine. mi darebbe una mano se mi desse un suggerimento nell'attesa degli esami che farò. noi pazienti siamo spesso abbandonati e anche piccoli problemi non sempre i medici riescono a risolverceli. dopo 5 anni mi aspetterei una diagnosi. grazie mille

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La risonanza magnetica dell’addome valuta anche i reni ovviamente, ma tutto sommato non pensiamo che si debba rilevare qualcosa di particolare a quel livello. Questo perchè qualsiasi ipotetica manifestazione in un tempo così lungo si sarebbe certamente manifestata in un altro modo. La presenza di minime tracce di sangue nelle urine di una donna in età fertile sono un riscontro relativamente comune, in assenza di sintomi evidenti possono essere messe in relazione ad una blanda infiammazione o una cattiva funzione intestinale. Nel suo caso resta ancora da giustificare la sproporzione della quantità di urine. Gli esami di sangue di cui è in attesa potrebbero fornire qualche utile indicazione, ma le ripetiamo che non si tratta di una situazione di diretto interesse urologico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing