Utente 370XXX
Salve,
mio marito da circa 1 mese e mezzo ha un'urina fortemente maleodorante e finalmente ha fatto una urinocoltura con antibiogramma e in più un esame completo delle urine dalla quale è risultata un infezione da aerococcus urinae. Questo il referto completo degli esami:

COLTURA DELLE URINE CON EVENTUALE ANTIBIOGRAMMA

CARICA BATTERICA
POSITIVA: 10^6 UFC/ml 1.000.000 microrganismi/ml
Identificazione del germe Aerococcus urinae
Potere antibatterico ASSENTE
Ricerca Lieviti NEGATIVA

ANTIBIOGRAMMA
Ampicillina <S> <=2
Amoxicillina/acido clavula <S> <=2
Ampicillina/sulbactam <S> <=2
Amoxicillina <S>
Clindamicina <R>
Ciprofloxacina <S> <=0,5
Nitrofurantoina <S> <=16
Imipenem <S> <=1
Levofloxacina <S> 1
Linezolid <S> 2
Chinupristina/Dalfopristin <R> 4
Tigeciclina <S> <=0,12
Teicoplanina <S> <=0,5
Piperacillina/tazobactam <S>
Vancomicina <S> 1

Legenda: La prova evidenzia i valori di MIC (minima concentrazione inibente) espressi in mcg/ml.
<S> = sensibile, <I> = intermedio, <R> = resistente, </> = non saggiato

ESAME COMPLETO DELLE URINE

colore paglierino
aspetto opalino
pH 6,00
densita' relativa 1.025

Proteine 30,00 mg/100 ml (fino a 20,00)
glucosio Assente (fino a 0,10)
acetone Assente (fino a 4.00)
bilirubina Assente (fino a 0,10)
emoglobina Assente (fino a 0,02)
urobilinogeno 0,20 EU/mg 100 ml (da 0,20 a 1,00)
nitriti Assenti

Esterasi Leucocitaria 250,00 Leu/ul
Rare emazie
Numerosi leucociti
Presenza di flora batterica

Proteinuria/Creatinuria 185,19 mg/g Creat. fino a 150,00
Proteinuria 30 mg/100ml
Creatinuria 162 mg/100ml

Come sono risultati c'è da preoccuparsi?
Adesso andremo dal nostro medico di base per vedere quale sia l'antibiotico migliore da assumere. Per quanto riguarda la proteinuria/creatinuria c'è da preoccuparsi o è normale sia presente con questa infezione? Leggevo inoltre che questo batterio è molto raro e mi chiedevo come può averlo contratto e se è contagioso o comunque con quale modalità avviene l'eventuale contagio.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In effetti si tratta di un batterio poco comune, d'ogni modo sensibile a quasi tutti gli antibiotici. Sulle origini dell'infezione è vano porsi delle domande, d'ogni modo nella maggioranza dei casi si tratta di batteri derivanti dal proprio intestino e migrati nell'apparato urinario per motivi raramente individuabili con precisione. Sarà comunque opportuno cogliere l'occasione per sottoporsi alla visita diretta di un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 370XXX

La ringrazio per la risposta. Riguardo la presenza di proteine nelle urine cosa mi sa dire? E' una cosa di cui preoccuparsi?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La variazione è molto modesta, verosimilmente legata all'infezione in corso e non preoccupante.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 370XXX

Quindi l'idea è quella di seguire la cura antibiotica per debellare l'infezione e poi rivalutare i valori con un nuovo esame colturale e chimico-fisico e per ora non indagare oltre?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per il momento, la terapia antibiotica è indispensabile, ma come abbiamo già scritto, soprattutto considerando che si tratta di un soggeto in età relativamente giovane, è opportuna la valutazione specialsitica globale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 370XXX

Mio marito farà 47 anni a aprile. Quindi lei consiglia comunque una visita da un urologo e non come primo passo esclusivamente l'assunzione dell'antibiotico?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prima l'antibiotico, ovviamnte.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 370XXX

Dr Piana la ringrazio molto,
e un ultima domanda. La mattina in cui ha raccolto le urine mio marito aveva fatto una prima raccolta verso le 5-5:30 del mattino ma poi ha preferito portare le urine quelle fatte appena sveglio alle 7:30 naturalmente sempre prima di aver mangiato. Quello che mi chiedo per quanto riguarda il valore delle proteine trovate può questo aver influito? Nel senso che l'urina raccolta veniva da un periodo in cui la aveva trattenuta non più di 2 ore e mezza e quindi il valore delle proteine poteva essere più alto?

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ma no, ma stia tranquilla.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 370XXX

Grazie ancora. Fatta la cura con antibiotico è il caso di rifare l'urinocoltura e l'esame chimico fisico delle urine dopo circa una settimana dalla fine della cura antibiotica o è meglio aspettare più tempo?

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Meglio 10-15 giorni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 370XXX

Salve dr Piana,
ieri il medico di base ha prescritto a mio marito una cura di 8 giorni con levofloxacina e fermenti lattici e dopo 10 giorni dalla fine della cura la ripetizione degli esami.
Riguardo alla presenza di proteine nelle urine non gli ha dato peso e ha detto che può dipendere dal fatto che abbia preso freddo.
La ringrazio del consulto e la aggiornerò sugli esiti della cura.