Utente 517XXX
Buongiorno, dopo una colica renale dolonte, mi è stato inserito uno stent ( doppio J ) ho sofferto parecchio, oggi dopo 6 settimane sono stato finalmente operato, hanno deciso di entrare dal pene con un laser fino al rene ed hanno trovato due calcoli di grandezza: 3 e 4 millimetri i calcoli sono stati estratti.
Durante il controllo (giro ospiti) mi hanno comunicato che sono presenti 3 calcificazioni di massimo 5 millimetri e risediono all’interno del rene e dicono che non potevano catturarli, mi hanno detto che non hanno voluto spaccarli con il laser siccome avrebbero ferito il rene.
Ora ho dei dubbi, ciò che hanno detto è vero? In realtà Avrebbero potuto operare e togliere le calcificazioni durante questo intervento? Esiste un’operazione che elimini le calcificazioni interne? Ho sofferto di fitte renali per tutta la mia infanzia e sono davvero stanco di soffrire.. ho bisogno che qualcuno mi dica la veritá! Aiutatemi per favore

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Ovviamente a distanza non è possibile esprimere giudizi con sicurezza, d'ogni modo le confermiamo che nel rene possono esservi delle piccole calciìficazioni all'interno delle papille, che non sono visibili endoscopicamente. Queste non sono quindi calcoli veri e propri, non sono in grado di causare alcun disturbo, testimoniano unicamente la predisposizione congenita alla formazione degli stessi. Ovvamente non vi sono indicazioni ad andare a rimuovere queste calcificazioni, poiché - come correttamente affermato dai nostri Colleghi - in questo modo si provocherebbe un ingiustificabile danno al rene.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 517XXX

Grazie per la risposta, quindi non posso fare nulla riguardo le calcificazioni,
Una dottoressa di Nefrologia è appena passata chiedendomi di partecipare ad un loro studio, siccome ho avuto molti calcoli già all’etá di 14 anni e continuò ad averli tutt’ora, mi chiedono di fare alcuni esami (es: TAC ogni 6 mesi, urine 48h, prelievi de sangue ecc...) e dopo aver superato gli esami mi verrà dato un farmaco a basso dosaggio chiamato: idroclorotiazide per prevenire coliche renali di calcio.
Non saprei se partecipare.
Voi cosa ne pensate? Sono abbastanza scettico..
Io penso che siano state le droghe usate in passato ora che ho smesso da qualche anno non stanno più insorgendo coliche renali (solo coliche vecchie rimaste molti anni fa sono caduti dal rene e sono stati estratti)

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il diuretico idroclorotiazide è utilizzato da molto tempo per abbassare l'escrezione renale di calcio in situazioni particolari. Questo può prevenire la formazione di calcoli, ma appunto solo in condizioni particolari, pertanto non si tratta di una cura valida per tutti. D'ogni modo, la ricerca è sempre importante e quindi sarà certamente meritorio per lei partecipare allo studio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 517XXX

Grazie per la risposta, Ho letto che ha diversi effetti collaterali il farmaco: L’Idroclorotiazide. Sono un pó indeciso se seguire questa prevenzione.
Ho le ultime due domande, oggi a mezzanotte toglieranno il catetare vescicale con un filo attaccato allo stent (doppio J), non vogliono darmi nessuna sedazione, c’è qualcosa che possono darmi per alleviare il dolore mentre lo si estrae magari un qualche anestetico o una qualche crema?
Le domandò anche, ha avuto mai pazienti che soffrono di fitte renali per via di calcificazioni interne al rene? Ho sempre sofferto di fitte, il problema si sarà risolto togliendo i piccoli calcoli? O le fitte provengono dalle mie calcificazioni renali? I calcoli come detto ora mi sono stati estratti ed esaminati.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La rimozione di un catetere può essere brevemente fastidiosa, ma certamente non merita una anestesia. Come le abbiamo già scritto le calcificazioni papillari interne non possono dare alcun disturbo. Altra cosa è la presenza di calcoli formati veri e propri, anche di piccola taglia, che sono causa di colica quando cercano di scendere progredendo lungo l'uretere.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 517XXX

Grazie per la risposta, scusa se la disturbo ancora.
Dopo la rimozione dello stent durante la minzione posso avere ancora dolori?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per qualche giorno è possibile avvertire qualche lieve bruciore, in progressiva risoluzione.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing