Utente 413XXX
Salve, sono un ragazzo di 21 anni. Ho un varicocele di IV grado che per un periodo lo scorso anno mi ha causato dei problemi (in certi periodi, che duravano non più di una settimana, si presentavano dolore, pesantezza e ipersensibilità del testicolo sinistro). L'urologo mi fece fare uno spermiogramma con risultati nella norma. Nonostante ciò, ho chiesto per l'intervento proprio a causa dei sintomi dolorosi. Ora sono passati dei mesi e l'intervento di legatura della vena è previsto tra 2 settimane, eppure non sono convintissimo per una serie di motivi: il dolore al testicolo attualmente c'è, ma è leggero e sopportabile e quei periodi di dolore intenso non si sono più presentati;
pratico bodybuilding e gli esercizi che faccio comportano l'utilizzo intenso diretto e indiretto degli addominali. Sostanzialmente ho paura che con l'intervento non potrei più tornare a questi livelli di esercizio fisico. L'urologo mi ha detto che per un mese non potrei fare palestra, però non so se con gli esercizi che faccio attualmente ci sia un rischio di recidive elevato. La mia domanda è questa: dopo un mese dall'intervento è possibile tornare a praticare regolarmente bodybuilding come ho sempre fatto? Perché altrimenti non credo di essere abbastanza motivato a fare quest'intervento. Grazie e buona serata

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'attività fisica che lei pratica principalmente, di dipo anaerobio, comporta ripetuti ed importanti aumenti della pressione addominale, che in soggetti predisposti è certamente causa di dilatazioni venose, come emorroidi e - appunto - varicocele. L'intervento correttivo si impone quando vi è danno seminale documentato oppure sintomi fastidiosi (dolore, peso). Se lei intende proseguire con una simile attività fisica, certamente sarà necessario sospendere per almeno 30-40 giorni ed in seguito il rischio di recidiva diventerebbe comunque molto elevato. Deve pensare quandi bene quali siano le sue priorità, la salute o un fisco da culturista.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing