Utente 529XXX
Buongiorno,
Ho 45 anni e circa 25 anni fa ormai sono stato operato di varicolele sx (non ricordo il tipo di tecnica mi ritrovo con una cicatrice appena sotto l'ombelico a sx).
Negli anni sucessivi non ho avuto particolari problemi o fastidi, soltanto a seguito di qualche colpo o strappi injguinali per qualche giorno mi ritornava un po' di fastidio tra inguine e testicolo sx con un po di dolenzia che pero' con un po di cautela e riposoi nei giorni successivi rientrava spontaneamente.
Ho quindi "imparato" a convivere con questo piccolo problema.
Ultimamente in palestra durante una sessione di streching ad un certo punto dopo una torsione del bacino piuttosto "aggressiva" ho avvertito una fitta "pulita" e retta che partiva dalla cicatrice fino al testicolo sx e immediatamente dopo una sensazione di pesantezza al testicolo sx senza dolore dello stesso pero'.
Ad oggi e cioe' dopo quasi 15 giorni dall'accaduto, mi accorgo che ho sempre fastidio e non dolore nel basso inguine e nello scroto sx, con irradiazione a volte al fianco sx e rene sx.
Ogni tanto nella minzione mi brucia . un pochino l'interno del pene. Alla palpazione ho avvertito solo in un'occasione come dei piccoli vermicelli ma l'indomani non erano piu' presenti e neanche ad oggi, ripeto che il testicolo non mi duole.
Lo strappo che mi ero procurato in palestra di cui parlavo prima mha coinvolto anche la schiena zona lombare, che pero' con iniezioni di muscoril per 5 giorni ho fatto passare.
Volevo capire nelle varie casistiche se puo' trattarsi di una forte infiammazione...
P.S: soffro anche di una calcolosi renale sx, "cronica" che pero' in questo periodo e' sempre stata silente dall'episodio ad oggi, lo dico solo per fornirsi qualche indicazione ulteriore.

grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Dalla posizione della cicatrice possiamo ipotizzare che lei sia stato sottoposto ad una legatura "alta" della vena spematica (tecnica di Ivanissevich). Questa tecnica è più diffusa tra gli specialisti in chirurgia generale, mentre gli urologi mediamente prediligono la legatura selettiva inguinale per una serie di motivi su cui non è il caso di dilungarsi. E' possibile che vi sia una modesta recidiva di varicolele, che si evidenzia solo in occasione di bruschi aumenti della pressione addominale. Potrebbe essere utile eseguire un doppler venoso del funicolo spermatico ed una ecografia scrotale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 529XXX

grazie dottore