Utente 467XXX
Buongiorno,
2 mesi fa ho subito un intervento in cui avrei dovuto essere operato di Orchipessi (per ipermobilità testicolare)e di Varicocele di primo livello.
Il tutto è nato a causa di dolore costante che ho dall'agosto scorso che peggiora con il movimento (anche se limitato) sopportabile solamente utilizzando un sospensorio. Prima e dopo l'intervento sto assumendo 1 volta al giorno evan e pomata locale di arnica e da dopo l'operazione ho aggiunto anche lo spermact.
Durante l'operazione il chirurgo ha visto che il varicocele era molto più grave del previsto e ha preferito eseguire solo quella parte di intervento in quanto un varicocele di terzo livello poteva essere la fonte del mio dolore rendendo difatto superflua l'operazione di orchipessi,
A distanza di due mesi visto che il dolore era ancora presente come prima dell'operazione mi sono ripresentato per una visita e il chirurgo mi ha consigliato nuovamente di attendere altri due mesi, proseguendo la terapia per verificare se il dolore possa passare o meno.
Sinceramente a distanza di 7 mesi dall'insorgere del problema e di continuo dolore e con un operazione già fatta attendere altri 2 mesi mi è piuttosto pesante, considerato il fatto che questo dolore mi sta limitando in tutto: attività fisiche(palestra piscina..) semplice camminate e attività sessuale ridotta a 0 da diversi mesi.
Secondo il vostro parere come dovrei muovermi?
Stavo pensando di sentire un'altra opinione per via privata visto che i tempi di attesa con SSN sono davvero lunghi e nel caso sarebbe meglio un urologo o un andrologo?
GRazie mille per il servizio che fornite
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il caso è certamente di competenza dell'urologo, poiché di verosimile interesse chirurgico. A distanza di 2 mesi dall'intervento diremmo che le cose dovrebbero essersi già relativamente assestate, tanto da poter apprezzare un vantaggio, almeno inizialmente. Se i dolore si presenta invece immodificato ed è per lei invalidante, è probabile che la componente dovuta al varicocele non fosse la principale. A distanza non possiamo dirle molto di più, la valutazione diretta è indispensabile. Sta a lei oviamente decidere da chi farsi seguire.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 467XXX

E' come immaginavo allora. La ringrazio per la cortese risposta.