Utente 412XXX
Buongiorno
mi trovo in una situazione disperata. Da anni soffro di prostatite e IPB e fino al 2016 le ho tenute a bada con alfalitico. Nel 2016 però ho avuto bruciori molto forti che andavano dal perineo fino al meato esterno. Ho consultato un urologo che mi ha proposto una uretrocistoscopia senza sedazione ma solo con gel anestetico. Io ho rinunciato perchè l'idea mi terrorizzava. In seguito, non attenuandosi i dolori, il mio medico mi ha prescritto la dutasteride e passato qualche mese i dolori sono notevolmente calati e la prostata da 70 cc è passata a 45 cc, PSA 0,400.
Da qualche giorno però riesco ad urinare solo di notte alzandomi anche 3/4 volte. Di giorno invece urino poco e con difficoltà. Attualmente prendo Sylodix, Avodart, Baclofene e Bromazepam perchè ho avuto un crollo psichico per tutti questi problemi. Ho il terrore che fra poco dovranno mettermi il catetere ma con questi bruciori ancora presenti, anche se meno intensi, come posso sopportarlo? In questi casi limite qual'è la procedura?
Ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
CASSINO (FR)
SAN GIUSEPPE VESUVIANO (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
CATANZARO (CZ)
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
buon giorno, più che avere timore che le mettano il catetere, bisogna attivarsi per capire che stato di ostruzione lei ha, pertanto va eseguita una uroflussimetria con residuo post minzionale ed ecografia vescicale con valutaizione dello spessore delle pareti. Tutti esami poco invasivi e funzionali
Dott. Giuseppe Quarto. Urologo andrologo
rep urologia Ist. tumori Napoli fond Pascale
www.andrologo-urologo.com

[#2] dopo  
Utente 412XXX

Grazie Dott. Quarto per la celere risposta.
Una settimana fa sono andato per fare l'uroflussometria ma non sono riuscito a farla perchè nemmeno dopo tre ore aver bevuto non avevo alcuno stimolo.
L'ultima ECO fatta il 13/03/19 dice questo:
"Vescica ampia, con profili parietali regolari e contenuto anecogeno.
All'indagine per via sovrapubica prostata discretamente ipertrofica(mm 48 x35x51 con volume stimato in 45 ml)."
Quella fatta anno scorso:
VESCICA: Ampia, distesa, pareti regolari, non estroflessioni evidenziabili, non vegetazioni sul versante interno.
Contenuto omogeneo transonico privo di calcoli
PROSTATA TRANS-RETTALE: Prostata di dimensioni superiori alla norma volume di 45.3 cc ( vn < 26 cc) profili
regolari, moderato sviluppo fibroadenomatoso dei due lobi e del lobo medio che presenta aspetto ipo-ecogeno come da possib!le prostatite focale.
Non evidenziabili formazioni nodulari nella porzione periferica ghiandolare sottocapsulare.
Vescicole seminali d! regolari dimensioni senza alterazioni strutturali significative

[#3] dopo  
Utente 412XXX

Qualcuno mi può aiutare?. Grazie

[#4] dopo  
Utente 412XXX

Qualcuno mi può indicare quale esame è più indicato per definire la causa dei miei bruciori uretrali post-minzionali? Se le urinocolture sono sempre state negative fino adesso può essere utile un tampone uretrale, anche se non ho secrezioni, per l'analisi degli altri batteri (clamidia ecc)? Oppure meglio una uretrocistografia retrograda e minzionale o una uretrocistoscopia? L'ultimo urologo che ho consultato mi ha prescritto un esame cistologico più ennesima urinocoltura primo e secondo mitto. Quando gli ho chiesto se era necessario un tampone uretrale lui mi ha risposto che già con l'esame cistologico si potevano rilevare i vari batteri ma a me risulta, da ricerche su internet, che il cistologico è indicato solo per verificare la presenza di cellule tumorali. A me sembra che si stia girando intorno al problema e sono molto demoralizzato visto che va avanti così da tre anni.
Grazie per l'aiuto.