Utente 526XXX
Salve

per un dolore ai testicoli ho effettuato la prima visita urologica.

La visita è andata bene esito negativo secondo il dottore. Per precauzione mi ha prescritto una ecografia scrotale per verificare eventuali infiammazione (es. orchite)

L'ecografia è andata bene solo che ha riscontrato, si legge nel referto, "notevole dilatazione delle vene" dunque varicocele.

Non avendo avuto mai problemi di fertilità visto che ho 3 figli si è valutato di non procedere a nessun trattamento chirugico

Quello che però mi ha preoccupato è stata la dimensione rilevata dall'ecografo sui testicoli

DX 51,1x34,9x24,8 che moltiplicato x 0,52 = 22 ml volume testicolare

SN 54,7x31,1,20,9 = che moltiplicato x 0,52=18,5 ml volume testicolare

I quesito:
La differenza di 3,5 ml, pari al 16% è da ritenersi non preoccupante? Queste differenze potevano essere presenti anche senza la presenza del varicocele oppure inevitabilmente il volume più piccolo del sn è l'ovvia conseguenza del varicocele ?(di II grado)
In verità lo stesso ecografista mi ha confidato successivamente che la sua misurazione era volta alla verifica delle dimensioni normale del testicolo (come scritto sull'ecografia) non volta alla misurazione precisa del volume anche se poi i 3 valori erano presenti sulle immagini

II quesito:
Dovrei indagare su questa differenza testicolare? quando è fisiologica e quando meno? Ci sono parametri ?

III quesito
Alla mia età tenuto conto che verosimilmente il varicocele potrà essere nato in fase di adolescenza devo ripetere ecografia ogni per questa patologia oppure la visita annuale sarà quella classica di controllo (prostata etc etc)

IV quesito:
e' possibile alla mia età pensare che ci possano essere complicanze come l'atrofia testicolare? Oppure ormai i testicoli e verosimilmente il varicocele si è stabilizzato?

grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il testicolo sinistro è lievemente più piccolo, proabilemnet a causa del varicocee che verosimilmente lei si posrta appresso da decine d'anni. La fertilità diremmo che non sia stata intaccata, pertanto non vi sono provvedimenti od attenzioni particolari da prendere. E' molto probabile che la situazione non si modifichi più nel tempo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 526XXX

Grazie dott.
per curiosità comunque anche in assenza di varicocele una differenza di 3-3,5ml pari a circa il 13-16% è comunque da ritenersi comunque comune e/o fisiologica oppure in genere le differenze che riscontrate sui testicoli dei vari pazienti sono minori? (prima mi sono sbagliato tra le misure dx sono sempre più grandi ma più piccola è la differenza in larghezza dx 51,1x33,1x24,8 sx 54,7x31,1x20,9 quindi il sinistro è più grande di 4ml di lunghezza ma più piccolo di 2mm larghezza e più piccolo 4mm diff. 3,5ml vol)
Potrebbe esserci anche l'ipotesi di una causa congenita rispetto a tale differenza e magari il varicocele visto che l'ultimo urologo l'ha definito di I grado è stato li per anni ma ha prodotto pochi danni?

Dunque se ho capito bene dottore, visto la mia storia clinica, eviterebbe oggi dosaggi ormonali per vedere se il testosterone è diminuito da questo varicocele?
eviterebbe inoltre stressanti ecografie annuali per il solo controllo del varicocele e/ volume testicolare?

In buona sostanza, il mio timore, forse paranoico, è che il varicocele possa lentamente atrofizzare il testicolo sinistro e/o abbassare il mio testosterone.

Che mi consiglierebbe?
grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La presenza del varicocele può influire sulla spermatogenesi ma non sulla produzione di testosterone. Abbiamo veramente idea che lei sia in preda ad un timore paranoico, che sarebbe facilmente risolta confrontandosi direttamente con un nostro Collega con il quale riesca ad aver un buon rapporto di comunicazone e fiducia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 526XXX

ok grazie sicuramente seguirò il Suo consiglio
ovviamente è gradita una risposta agli ultimi quesiti posti. soprattutto mi farebbe piacere sapere cosa se nella pratica quotidiana Lei, per esempio, utilizza, nell'analisi di una ecografia scrotale e/o visita con palpazione nella verifica dei testicoli volumi
Utilizza una tabella e/o un range per capire se la differenza tra due volumi è fisiologica o meno (es. percentuale?)
Infinre nella pratica quotidiana mi ripeto anche in assenza di varicocele le differenze tra noi maschi nei testicoli ci sono e se si in questi termini volumetrici?.
Il medico e/o paziente si allarma solo in caso di 30-40-50% di differenza tra i due testicoli ?
grazie e scusi cosi non la scoccio più

[#5] dopo  
Utente 526XXX

poteva rispondere grazie comunque

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Crediamo che lei nulla abbia a pretendere da un servizio informativo totalemente gratuito.
La stragrande maggioranza degli urologi nell'esame obiettivo testicolare si basa unicamente sulle percezioni tattili e certamente non esegue misure precise, nè ricorre a tabelle. Possiamo quindi pensare che la differenza in volume venga percepita quando superiore al 25%. In ogni caso, per definire un testicolo come "ipotrofico", deve essere percepita una differenza di almeno la metà rispetto al controlaterale sano, ovvero alla media che ci si può attendere per individui della stessa età.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing