Utente 529XXX
Buongiorno,
desidero gentilmente conoscere in cosa consiste l'esame di controllo al quale mio papà si sottoporrà a breve e le tempistiche di eventuali analisi /esami , dopo che l'8 ottobre scorso ha subito un intervento per la rimozione di un polipo nella vescica. Il medico chiururgo ha fatto presente che ci sarà un esame di controllo dopo i sei mesi dall 'intervento. nel frattempo mio papà non ha avuto più problemi legati alla difficoltà di urinare che aveva prima dell'operazione. Purtroppo non ho visto cartelle cliniche precedenti da poter dare ulteriori dettagli. Ringrazio molto Deborah

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Dopo l'asportazione di un tumore superficiale della vescica, l'unica cosa vermente indispensabile è il controllo endoscopico assiduo, poicé le possibilità di recidiva sono comunque elevate (circa il 70% dei casi) ed una piccola recidiva può essere risolta banalmente, mentre già dopo 1-2 anni la situazione potrebbe essere molto più difficile da risolvere. In caso di picocli tumori asportai, il primo controllo endoscopico cade infatti generalmente ai 6 mesi e può essere eseguito ambulatorialmente con uno strumento flessibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 529XXX

la ringrazio molto.. mio papà mi dice che ieri li sono stati fatti l'analisi del sangue con elettrocardiogramma e che tra una settimana avrà un piccolo intervento di citoscopia .. è tutto normale come primo controllo dopo 6 mesi dall'operazione ?grazie Deborah

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E' normale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 529XXX

la risposta secondo lei la daranno subito o dopo un mese ( come la volta scorsa?) si tratta di fare una biopsia di nuovo?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il risulto della cistoscopia è in genere immediato. Se verranno effettuati dei prelievi, l'esame istologico potrà necessitare di alcune settimane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 529XXX

grazie. secondo lei si necessita di una notte di ricovero in ospedale? e quanto dura questo controllo? se durante questa fase di controllo risultasse un ripresentarsi del corpoestraneo secondo lei verrebbe "rioperato" al momento o nuovamente verrebbe ridato un appuntamento in altra data?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se l'endoscopia viene effettuata in anestesia, se si trovasse qualcosa, ovviamente questo verrebbe rimosso nel corso della stessa procedura. I tempi sono variabili, nell'ordine dei 10-15 minuti. Si tratta di procedure abitualmente eseguite in regime di ospedalizzazione diurna, ma dopo i 70 anni e se vi sono altri problemi di salute, spesso si trattiene in ricovero per una notte.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 529XXX

siccome mi viene detto che con questo controllosappiamo se è negativo o positivo..

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Appunto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 529XXX

Buongiorno, se dall' esame del tessuto dove è stato rimosso risultasse una positività, dovrebbe essere risottoposto a un nuovo intervento?

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si presume che con la revisione endoscopica sarebbe contestualmente rimosso tutto il tessuto neoformato residuo o recidivo. Altra cosa se all'esame istologico si riscontrasse un interessamento della muscolatura vescicale, ma questo è ben poco verosimile in questo caso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing