Utente 505XXX
Salve sono un ragazzo di 20 anni e volevo esporre un problema.

Ieri sera mi trovavo sulla sedia quando improvvisamente avverto un fastidio, inizio a sentire il testicolo destro più sensibile e sembra essere spostato più verso l'inguine rispetto al destro... Inoltre risulta un po' più alto mentre il sinistro scende di più. Mi chiedevo se tutto questo fosse normale perché non avverto dolori ma solo una sensibilità che mi fa divaricare le gambe per non stringere i testicoli, stanotte ho dormito ma mi sono svegliato prestissimo con ancora questa sensazione orribile! Sento chiaramente il testicolo destro che tende più sull'inguine, infatti ho provato a mettere due dita sui corrispettivi e ho notato che nell'inguine destro il testicolo si avvicina di più al mio dito. Che cosa potrebbe essere? Premetto che non ho dolore ai testicoli come già accennato prima, e soprattutto volevo dire che da moltissimi anni non indosso più nessun tipo di mutande solo quando sono in pigiama o in casa, questo vale anche a letto e non mi ha mai dato nessun tipo di problema. (È da quando avevo 8 anni che dormo e sto in casa senza mutande quindi mi ci sono abituato).

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Alla sua età questa situazione è molto probabilmente dovuta ad una costituzionale accentuata mobilità dei testicoli, con accenno alla subtorsione. I testicoli sono strutture anatomiche estremamente sensibili ed al minimo accenno non tardano a farsi stentire. L'ipermobilità testicolare non può essere evidenziata da alcun accertamento, ma solo dalla visita diretta dello specialista in urologia, cui le consigliamo ovviamente di sottoporsi. In linea di massima, tutti i disturbi testicolari sono ridotti tanto più lo scroto resta fermo, pertanto noi raccomandiamo di indossare mutande elastiche aderenti, anche durante il sonno. Forse sarebbe dunque meglio che lei cambiasse le sue abitudini.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing