Fastidio al testicolo sinistro, presunta prostatite e urologo sicuro

Gentilissimi dottori,
Da una decina di giorni (dopo aver sentito momentaneo fastidio nella zona perianale per due volte in due giorni) sento il testicolo sinistro sensibile, leggermente più grosso al tatto e fastidiosi a tocco insistente.
Ho inoltre avuto un problema di minzione molto frequente sia notturna sia diurna accompagnato da sensazione di vescica mai vuota nemmeno post-minzione.
I sintomi relativi all'urina sono migliorati dopo qualche giorni di urogermin prostata, ma non ancora passati del tutto.
Oggi sono andato da un urologo/andrologo di una clinica privata che dopo palpazione ha detto che il testicolo non è gonfio (a tal punto da non prescrivermi nemmeno una ecografia).

Ha successivamente sentito la mia prostata (col classico esame col dito) e con l'aria di chi pensava alla normalità ha prescritto per sicurezza esame delle urine e urinocoltura + antibiogramma (tramite la macchina della eco ha visto che la vescica, svuotata 5 minuti prima della visita, era appunto vuota).

Lui mi sembrava davvero stremamente tranquillo e sono probabilmente passato epr quello che probabilmente esagera.

Ora il testicolo non fa male, ma dà sempre un leggero fastidio al tatto accompagnato da un senso di peso lieve (scusate l'ossimoro).

Premetto che a 8 mesi ho fatto una pielonefrite e che a 2 anni sono stato operato per testicolo ritirato.

Consigliate di fidarmi del dottore in questione o di provare a cambiare/chiedere al dt in questione di prescrivermi una ecografia scrotale.

Scusate il messaggio lungo e grazie in anticipo per la risposta, sarei contento anche di una vostra opinione personale (ho provato a essere il più preciso possibile).
[#1]
Dr. Maurizio Motta Urologo 12
Genitle Signore se ha già risolto il problema della pielonefrite con i controlli del caso e se dovesse persistere il fastidio scrotale converrebbe eseguire una ecografia scrotale per dare una conferma alla valutazione clinica o per escludere qualsiasi cosa non palpabile clinicamente.
Rimango a disposizione per qualsiasi eventuale chiarimento in merito.
Grazie

Dr. maurizio motta

[#2]
Dr. Franco Fanciullacci Urologo 74 5
Confermo che una ecografia scrotale non si nega, sia da un pdv psicologico, sia per mettere in evidenza eventuali lievi alterazioni (es varicocele, o iniziale infiammazione epididimaria) . se è presente un quadro infiammatorio (come si evincerebbe dai disturbi minzionali) potrebbe essere utile un ciclo di anti-infiammatori naturali (ad es a base di curcumina/bromelina)
Cordiali saluti

Dr. Franco Fanciullacci-Primario Urologo
www.francofanciullacci.it

www.francofanciullacci.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio