Prostatite cronica

Buongiorno, sono un ragazzo di 27 anni e da ben 12 anni soffro di continue infiammazioni alla prostata (mi viene chiesto spesso durante le visite, senza senso a mio avviso, chi mi abbia diagnosticato la prostatite, e io esterrefatto rispondo sempre, come ovvio che sia, che a diagnosticarmela sono stati degli urologi da cui sono stato, non mi sveglio la mattina diagnosticandomi patologie random).
Da sempre gli esami delle urine comprese urinocolture sono NEGATIVE, al contrario la spermiocoltura è sempre POSITIVA, da marzo al CITROBACTER KOSERI.

La terapia che attualmente sto seguendo è composta da:
- Levofloxacina per 30 giorni
- Alfuzosina per 6 mesi, che nonostante 2 mesi di terapia non sta sortendo alcun effetto.
(questa mi è stata prescritta a seguito di Uroflussometria il cui esito è "flusso fluttuante di entità ridotta con minimo residuo post minzionale", e a seguito di una cistoscopia che ha rilevato un collo vescicale rilevato, di calibro ridotto).

- Aulin per dolori (non sortisce alcun effetto)
Le ecografie della prostata trans rettali hanno da sempre evidenziato diverse zone di calcificazioni, attualmente il volume della prostata è di 30 cc, il PSA totale è 0, 70.

Dopo tutti questi anni nessuno è riuscito a curarmi e anzi dopo un po', vedendo la difficoltà del caso, praticamente tutti mi hanno letteralmente abbandonato bollandomi come un malato immaginario (ma i soldi spesi però sono reali).

Io soprattutto ultimamente sto male, ho continui dolori alla bassa schiena e dentro il retto, bruciore all'uretra, e pollachiuria, per non parlare della qualità delle erezioni, per cui stendo un velo pietoso.

Io capisco come sia inusuale che in un ragazzo giovane affiorino questi disturbi e come sia altrettanto atipico che nessun farmaco aiuti (nemmeno antidolorifici di cui mi sta imbottendo perchè non ne posso più dai dolori), ma è mai possibile che non ci sia nulla al caso mio, che non siano le solite raccomandazioni sullo stile di vita, che seguo da una vita per cui è evidente anche a me che non sono medico, come nel mio caso non basti mangiare verdura e frutta (che mangio da sempre e abbondantemente) per "curare" la cosa?


Ringrazio infinitamente chiunque possa prendersi la briga e il disturbo di rispondermi e magari darmi delle chiavi di lettura o suggerimenti che finora non mi sono stati proposti o io non vedo.

Cordiali saluti
[#1]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,6k 423 2
caro lettore

la sua semobra la "classica" storia del giovane che abbia avuto una prostatite e che si porta dietro i problemi per mesi e mesi anche dopo terapie, visite specialistiche ripetute, urologi dievrsi, analisi, soldi spesi
a mio parere lei potrebbe avere una sclerosi del collo vescicale come risultato di una prostatite si faccia seguire da un solo urologo
non esistono i "PROFESSORI" che risolvono tutto, basta un semplice, onesto urologo
cordiali saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio