I farmaci inibitori di pompa protonica PPI sono sempre più frequentemente utilizzati in pediatria per il trattamento dei sintomi da reflusso gastroeofageo anche senza una precisa diagnosi di malattia da reflusso gastroesofageo.

Diversi studi negli ultimi anni hanno iniziato ad evidenziare i possibili effetti collaterali legati al trattamento con questi farmaci ed in particolare il rischio di aumentare le infezioni gastrointestinali grazie al loro effetto di ridurre l’acidità gastrica e quindi di favorire la colonizzazione batterica.alta intestinale.

Un recentissimo studio pubblicato sul journal of pediatrics nel 2015 ha confermato come dopo 3 mesi dall’inizio del trattamento con inibitori di pompa protonica il rischio di colonizzazione batterica intestinale alta compare in circa un quarto dei casi.

Si accompagna inoltre a sintomi quali flatulenza alvo irregolare, e mal di pancia. Da tutto ciò ne traiamo come bisogna stare molto attenti e riservare questo trattamento farmacologico solo ai bambini che ne hanno veramente necessità ed affetti da una malattia da reflusso gastroesofageo, anche perché nella maggior parte dei casi questi sintomi da reflusso gastroesofageo sono transitori e scompaiono con la crescita.

 

Riferimenti bibliografici

Sieczkowska A, et al. Small bowel - Bacterial overgrowth associated with persistence of abdominal symptoms in children treated with a proton pump inhibitor - J Pediatr 2015;166:1310-2.e1