Utente 281XXX
Salve
vi scrivo per mia madre,di 61 anni.
Fin da bambina,spesso dopo i normali pasti manifestava stanchezza,apatia,sonnolenza,sensazione di freddo,brividi,o a volte vampate di calore,meteorismo e qualche volte,senso di pesantezza allo stomaco.Nel corso degli anni sono stati fatti vari tentativi terapeutici.Le sono stati prescritti medicinali contro la dispepsia,senza successo.Il Biochetasi,però,aiutava (e aiuta) a calmare i sintomi,seguito a volte da iniezioni di Rition.Non ci sono allergie conclamate,è c'è mai stato abuso di alcol,droghe o farmaci.E' stato escluso il diabete.Non c'è nè diarrea,nè nausea,nè flautolenza,nè bruciore di stomaco,nè reflusso gastro-esofageo,nè dolori addominali o di alcun tipo.La situazione è migliorata dal momento in cui lei si sottoponeva a una dieta abbastanza rigida,o priva di certi alimenti che più di altri sembravano scatenarle i sintomi descritti prima,e ciò le ha permesso di condurre una vita attiva e dinamica,anche se a volte stressante (fa l'insegnante in una scuola media).Ma i sintomi si ripresentavano .
Qualche anno fa le è stato fatto un check-up completo dell'apparanto digerente,del fegato,del pancreas,con gli esami del caso.Alle ecografie non è risultata evidente nessuna patologia.Comunque,per un certo periodo ha preso con buoni risultati,prima dei pasti,una bustina di Citogel,nonostante non ci siano i segni nè di ulcere nè di gastriti.
L'assunzione del farmaco,prolungata per circa un anno,sembrava giovare,anche se non totalmente;infatti,nonostante un normale pasto non influisse negativamente,certi alimenti,come formaggi,carni stagionate,conserve di pesce,frutta secca,pane,pere,uvetta,banana,biete,o alimenti particolarmente ricchi di zucchero,e altro ancora.In seguito,interrotto il Citogel su consiglio di un medico,è stato assunto il Pancreoflat,enzimi pancreatici,con giovamenti ancora migliori.La sintomatologia si attenuava,ma se si provava a reintegrare uno degli alimenti descritti sopra,comparivano di nuovo stanchezza,apatia,meteorismo,etc.,che si riproponevano comunque in caso di sospensione del farmaco. Uno stato di salute quasi ottimale è stato ottenuto tramite 2 capsule durante i pasti di Creon 10000 (pancrelipasi,contenente dosi ancora maggiori di enzimi amilasi,lipasi e proteasi)e la sospensione praticamente permanente di molti alimenti dalla dieta,ora a base di riso condito con olio d'oliva e sale,carne,pesce,verdure cotte e crude e frutta.L'alimentazione è comunque abbastanza bilanciata,e non dovrebbero esserci scompesi vitaminici,e ha un peso corporeo di circa 55 kg per un'altezza di 1,65 m.Eppure,non sembrano esserci un'insufficenza pancreatica o una qualche intolleranza alimentare agli zuccheri.Dopo un VEGA test (anzi due,parzialmente contraddittori) fatto da uno "specialista" di intolleranze alimentari che escluso molti alimenti,è stata minuziosamente programmata una dieta "ad hoc",ma senza giovamenti a lungo termine.Effettuando delle ricerca,sembra però che gli alimenti che le scatenano le "crisi" abbiamo tutti o quasi un buon livello di tiramina,e per questo sono stati eliminati dalla dieta (comunque,come già detto,abbastanza varia e completa) con giovamento.Abbiamo fatto quindi l'ipotesi di un'intolleranza alla tiramina,anche se lei non ha mai assunto MAO-inibitori.Tuttavia,nel caso il Creon non venga assunto,si manifesta tutta la sintomatologia di prima,così come quasi ogni volta che viene assunto un qualche alimento contenente saccarosio o comunque particolarmente zuccherino,come una pera.
Recentemente(ma prima di aver sospeso dalla dieta gli alimenti con alto contenuto di tiramina),avendo lei donato il sangue,le è stato fatto un emocromo.Questi i risultati:

Sistema Kell: kk
HBsAg: Negativo
HCV Ab: Negativo
HIV ab: Negativo
TPHA: Negativo
Ferritina: 88,40 ng/ml

Transaminasi(ALT) H 48 U/L
Transaminasi(AST) H 57 U/L
Azotenia 23 mg/dl
Glicemia 87 mg/dl
Creatinina 0,8 mg/dl
Uricemia 4 mg/dl
Bilirubina totale 0,80 mg/dl
Proteina totali H 8,4 g/dl
Sideremia 97 mcg/dl
Gamma GT 17 U/L
Colesterolo Tot. H 263 mg/dl
Trigliceridi 79 mg/dl

Globuli rossi 4,99 x10^6 mm3
Emoglobina 15,20 g/dl
Ematocrito 43,90 %
Volume corpuscolare medio 88,0 fl
Contenuto emoglobinico medio 30,50 pg
Concentrazione corpuscolare media 34,60 g/dl
RDW-SD 41,20 fl
RDW-CD 13,10 %
Piastrine 226,00 x10^3 mm3
PDW 15,70 fl
MPV 11,90 fl
P-LCR 39,90 %
PCT 0,27 %

Globuli bianchi 6,23 x10^3 mm3
NEUTROFILI% 60,70 %
LINFOCITI% 27,00 %
MONOCITI% 10,00 %
EOSINOFILI% 1,80 %
BASOFILI% 0,50 %
NEUTROFILI 3,79 x10^3 mm3
LINFOCITI 1,68 x10^3 mm3
MONOCITI 0,62 x10^3 mm3
EOSINOFILI 0,11 x10^3 mm3
BASOFILI 0,03 x10^3 mm3



Circa un mese dopo,allo stesso esame,senza che ci sia stato nessun cambiamento di dieta o di stato di salute,le Transaminasi(ALT) erano a 29,le Transaminasi(AST) erano a 41,e il colesterolo totale a 206,le proteine totali a 7,5,la gamma GT a 13.Si sono ricontrate lievi diminuzioni di globuli rossi,emoglobina,ematocrito.

Per problemi legati ad ansia e attacchi di panico,lei prende da diversi mesi 5-6 gocce di Xanax (alprazolam) a sera (circa 0,125 ml),non di più.Comunque,è stato escluso che i problemi digestivi elencati prima siano di origine psicosomatica.Le transaminasi erano comunque già leggermente alte in un'altra analisi effettuata diversi anni fa,prima dell'assunzione dello Xanax.

Io,di 17 anni,soffro da tempo di una sintomatologia simile,ma in forma attenutata,dopo i pasti.Anche nel mio caso escludere gli alimenti ad alto contenuto di tiramina ha portato giovamento.Mi è stata diagnosticata tempo fa,con un'ecografia,una colecisti ispessita,per cui mi sono stati prescritti dei sali biliari,Tauro,senza particolari effetti benefici.

Chiedo gentilmente a chiunque a chi sia qualificato in materia di esprimere il suo parere professionale sulla situazione.
Grazie anticipatamente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2007
Forse il quadro clinico è stato presentato in maniera troppo prolissa.
Riassumendo:

Donna di 61 anni,fin dall'infanza,dopo quasi ogni pasto,ha manifestato i seguenti sintomi:

-sonnolenza
-stanchezza e apatia
-pesantezza allo stomaco
-meteorismo
-brividi (sporadicamente)
-sensazione di calore (a volte)

Scarsa tolleranza nei confronti di medicinali presi a lungo termine.

Nient'altro,ad esempio,niente diarrea.

Dalle analisi del sangue i seguenti valori risultano preoccupanti:

Transaminasi(ALT) 48 U/L
Transaminasi(AST) 57 U/L
Colesterolo Tot. 263 mg/dl
Proteina totali 8,4 g/d

In apparenza alle analisi strumentali,nessuna malattia di tipo organico.

Normali peso e altezza,dieta sana,senza eccessi o carenza,e con appropriato apporto vitaminico.

Miglioramento della situazione:
-Creon 10000,enzimi pancreatici,una capsula ogni pasto (attualmente).
-Citogel,
I sintomi si ripresentano se:
1)la capsula non viene assunta
2)vengono ingeriti alimenti stagionati,fermentati,trattati,lievitati,latticini,o più in generale,contententi tiramina (anche nel caso la capsula sia stata presa).

Sintomatologia simile presente in famiglia.

Chiedo gentilmente un parere professionale di un medico competente.
Grazie anticipatamente.
[#2] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2007
Correzione al post sopra:
Il Citogel non viene più preso,e comunque dava minori risultati del Creon.
[#3] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2007
Ah,comunque,si è scoperto è che ipoglicemia post-prandiale.

La glicemia,dopo i pasti,scende a livelli troppo bassi,in seguito all'iperinsulinemia,provocata forse da un deficit di glucacone,e stimolata dal consumo elevato di carboidrati.

Si è risolto con integratore alimentare di cromo picolinato,una dieta con minore apporto di carboidrati e maggiore di proteine e grassi,eliminazione degli zuccheri semplici dalla dieta (come lo zucchero) e fibre alimentari (come la gomma di guar,o la pectina) con i pasti.

Per chi volesse documentarsi sulla malattia,basta cercare "postprandial hypoglycemia" (o "ipoglicemia reattiva" o "ipoglicemia postprandiale") su google,i risultati sono ben documentati,e proveniente dalla medicina ufficiale.