Utente 127XXX
Salve sono un ragazzo di 20 che crede di essere affetto da pectus excavatum.Tutto è cominciato da quando all'università sto cominciando a studiare anatomia e di conseguenza le relative patologie.Il mio dubbio è stato alimentato dalla visone di alcune mie foto all'interno delle quali è possibile vedere possibili indizi ke possono ricondurre alla pataologia del pectus excavatum.Tuttavia per una maggiore sicurezza riguardo la presenza o meno di tale patologia,quale esami mi consigliate di effettuare?
[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera,

la diagnosi è anzitutto clinica, e si avvale della visita medica prima di ogni esame strumentale. Il mio consiglio è di farsi vedere da uno specialista, tenendo conto che nella maggioranza dei casi il problema non è che di natura estetica: comunque, qualora il sospetto sia fondato, chi la visiterà le farà eseguire anzitutto un controllo cardiologico con ecocardiogramma, visto che vi sono associazioni con malformazioni cardiace (per es. bicuspidia aortica), specie in soggetti con aspetto "marfanoide".

Rimango a sua disposizione per eventuali necessità o chiarimenti.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
127601

dal 2015
La saluto e la ringrazio per la sua dettagliata risposta dott. Scanagatta;mi recherò al più presto da uno specialista ortopedico per "colmare" eventuali dubbi o per agire per curare la suddetta patologia.Spero,per me stesso,di poterle dare buone notizie.
[#3] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

tenga conto che in genere questa patologia viene visitata e curata normalmente da parte dei chirurghi toracici o, in alcuni centri, dai cardiochirurghi; non viene considerata di pertinenza ortopedica.

Rimanendo a sua disposizione le porgo i miei più cordiali saluti.

[#4] dopo  
127601

dal 2015
Dott scanagatta aspettando la visita ke ho prenotato da uno specialista,volevo porle un'altra domanda:
Lei conosce per caso una patolgia chiamata "torace ipermetrope"?
[#5] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera,

non esiste, nelle definizioni che usiamo in ambito specialistico per definire i dismorfismi del torace, nessuna patologia così denominata.

Mi piacerebbe sapere in che contesto si sia imbattuto in questa "patologia".

Cordiali saluti
[#6] dopo  
127601

dal 2015
Allora provo a chiarirmi e mi scuso x la mia ignoranza in questo campo:
La patologia di cui le parlo è una patologia all'interno della quale si ha una specie di rientranza x quanto riguarda una parte di alcune coste (la quinta e la sesta se nn erro) che si trovano subito sotto lo sterno.Spero di essermi spiegato e di poter ricevere una Sua risposta al più presto.A Risentirla
[#7] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La posizione dello sterno resta normale ?

Le spiego: i dismorfismi del torace sono causati dall'aberrante crescita, più o meno marcata e più o meno asimmetrica, della parte cartilaginea delle coste e dall'alterata localizzazione dell'inserzione sullo sterno del muscolo retto dell'addome; si dividono quindi per comodità in due gruppi in "pectus excavatum" o "funnel chest" in cui vi può essere un'accentuata infossatura dello sterno, e in "pectus carenatum" o "pigeon breast" nel quale lo sterno viene spinto verso l'esterno.
In associazione ad alcune malattie genetiche - come capita per esempio con la sindrome di Noonan, ci possono essere delle forme miste (per esempio "pectus excavatum" nella parte superiore dello sterno e "carenatum" nella parte inferiore).

Pectus excavatum ("funnel chest"):

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/83/Pectus1.jpg



Pectus carenatum ("pigeon breast"):

http://www.scielo.br/img/revistas/jbpneu/v33n4/en_a17fig01.gif

http://images.google.it/imgres?imgurl=http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/images/ency/tnails/9011t.jpg&imgrefurl=http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003321.htm&usg=__66QKxgYccPYzfiW6xRPG8Gc3k4g=&h=60&w=60&sz=6&hl=it&start=124&um=1&itbs=1&tbnid=tDr8k3Tvdi9LaM:&tbnh=60&tbnw=60&prev=/images%3Fq%3Dpectus%2Bcarenatum%26ndsp%3D18%26hl%3Dit%26sa%3DN%26start%3D108%26um%3D1

Chiaramente ci possono essere vari livelli di alterazione, e nei casi gravi ci possono essere delle malattie cardiache o vascolari associate.

Delle piccole asimmetrie della gabbia toracica sono possibili, ma non sono considerate patologiche, ma parafisiologiche.

I termini "ipermetropia" e "ipermetrope" sono invece utilizzati in ambito oculistico per indicare il noto difetto refrattivo, e altri usi sono impropri.

Spero di esserle stato d'aiuto.

Cordiali saluti.


[#8] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
Gentile utente
ho visto solo ora la sua richiesta di consulto e mi permetto di segnalarle a titolo esplicativo l'articolo Minforma che ho scritto su questo argomento sul sito relativo appunto al Pectus

cordialmente