Utente 157XXX
Salve dottori,
volevo chiedervi un parere tecnico perchè mi servirebbero urgentemente dei farmaci sintomatici per tutta una serie di

problematiche che dopo quattro anni di svariate terapie non ho ancora risolto e mi hanno fatto letteralmente passare la voglia

di continuare a vivere così.
Ecco un'anamnesi: prostata calcificata ipertrofica sul lobo medio in zona periuretrale, prostatite cronica da chlamydia

tracomatis contratta alla nascita, sclerosi del collo vescicale, infiammazione cronica della vescica e dell'uretra, fitte

all'uretere, sforzo faticoso all'inizio della minzione, dolorosi spasmi inguinali con sensazione di mancato svuotamento del

sacco vescicale che mi provoca anche spossatezza alla testa, intensissima pollachiuria con getti distanti tra loro spesso meno

di due minuti, conseguente insonnia cronica con assuefazione/dipendenza da benzodiazepine ipnotico-sedative, dolori articolari

non reumatoidi su tutto il menisco sinistro, presunte emorroidi interne sopravvenutemi da poco con bruciori e sanguinamenti,

ernia cervicale, ernia lombosacrale con verticalizzazione delle ultime vertebre presso l'osso sacro, valgismo delle ginocchia,

leggera scoliosi con varie protrusioni vertebrali, fegato ingrossato, faringite cronica, sinusite cronica, leggera congiuntivite

cronica, pregressi ipermetropia + astigmatismo curate con operazione laser quasi 10 anni fa, pregressa dermatite seborroica con

macchie rosse sul petto ora scomparse, pregressa intossicazione da arsenico (gastroenterite acuta a capodanno 2004) e attuale

modica presenza di mercurio nell'organismo, elevato stress ossidativo da radicali liberi, carenze di enzimi, minerali e vitamine

essenziali - soprattutto la D e la E -, episodi di depressione maggiore acuta iniziati con la balbuzie adolescenziale,

iperattività di entrambi gli emisferi cerebrali e del centro del linguaggio con presenza eccessiva di onde - se non ricordo male

- beta (tutte cose certificatemi con un elettroencefalogramma da un neurofisiopatologo che mi ha dimostrato che ho percezione

corporea del 9% concentrata in gran parte proprio sull'apparato urinario), ulteriori infezioni batteriche da helicobacter

pylori, streptococco emolitico, streptococco viridans, presenza per ora inattiva del virus epstein barr e predisposizioni

genetiche, in base al mio HLA, a patologie autoimmuni quali l'artrite reattiva, la celiachia, la tiroidite, il diabete mellito

di tipo 1, la sclerosi laterale amiotrofica e l'aterosclerosi). Inoltre sono microcitemico, ho iperomocisteinemia, serotonina

ematica al di sotto dei valori della norma, colesterolo moderatamente elevato, occasionale ipo-insulinemia, pressione arteriosa

relativamente bassa, iperproduzione pilifera sul viso in particolare sul naso e tra le sopracciglia, iperbilirubinemia di

Gilbert, sono allergico a entrambi i tipi di acari, ai cipressi e al pelo di coniglio e di cavallo, mentre presento intolleranze

alimentari a zuccheri raffinati, caffè, agrumi e latte.
Per la cronaca, ho quasi 26 anni, non fumo, non bevo, non mi drogo e sono disoccupato. Da bambino non ho mai avuto le malattie

che di solito hanno i bambini, tranne una pertosse, ma nell'adolescenza ho avuto una peribronchite e un ritardo di due anni

nello sviluppo puberale (probabilmente per la carenza di zinco, rame, vitamina D e serotonina). L'unico vaccino non obbligatorio

che ho effettuato è quello per l'influenza A/H1N1 nel dicembre scorso, ma ricordo che quasi svenni dopo quello anti-epatite B,

anni fa. In famiglia mia nonna materna è morta di malattia di Paget e soffriva anche di diabete, mentre mia madre ha subìto una

tiroidectomia totale per noduli da tiroidite di Hashimoto e pochi mesi dopo la mia nascita ha avuto una gravidanza extrauterina con scoppio di una tuba ed ha carenza di ferro, due sue sorelle (mie zie) soffrono rispettivamente di gravi problemi

cardiologici e ortopedici l'una e di diversi attacchi di pancreatite acuta l'altra, mio padre soffre di problemi cardiologici e

porta degli stent, suo fratello (mio zio) ha avuto due infarti e da una quindicina d'anni è sulla sedia a rotelle per una forma

anomala e rara di sclerosi multipla che lui ritiene essere stata una "mutazione sintomatologica" di un pregresso reumatismo

articolare acuto diagnosticatogli quando aveva 10 anni a causa di un non meglio precisato streptococco, mia nonna paterna vomita

anche 3 volte al giorno perchè ha lo stomaco ridotto ai minimi termini da una infezione da Helicobacter Pylori contratta tanti

anni fa. Volevo sapere se era possibile (e se mi poteva essere utile) far preparare galenicamente 45 compresse (da inghiottire

intere una volta al giorno) ognuna contenente i seguenti principi attivi chimici e vegetali:

- Tolterodina 4 mg
- Terazosina cloridrato 10 mg
- Alfuzosina cloridrato a rilascio prolungato 10 mg
- Ossibutinina cloridrato a rilascio ritardato 10 mg
- Aspirina 1,2 mg
- Serenoa repens (frutti estratto secco) 330 mg
- Uva ursina (foglie estratto secco) 100 mg
- Olio di semi di zucca 200 mg
- Licopene 30 mg
- Zinco ossido 15 mg
- Rame gluconato 0,6 mg
- Selenio 1 mg
- Gluconato di manganese metallo 0,5 mg
- Magnesio 300 mg
- Vitamina E 10 mg
- Coenzima Q10 100mg
- Acido alfa lipoico 30 mg
- Vitamina C 60 mg
- Glutatione ridotto 30 mg
- Glucosamina solfato 500 mg
- Diacereina 100 mg
- Echinacea purpurea (estratto secco di radice) 100 mg
- N-acetil cisteina 600 mg
- Tarassaco officinale 370 mg
- Sulforafano 4 mg
- Melatonina 3 mg
- Aloe arborescens 700 mg
- Omega 3 rx a catena lunga epa 2400 mg
- Omega 3 rx a catena lunga dha 1600 mg
- Omega 9 360 mg
- Metilsulfonilmetano 40 mg
- Isoflavoni di soia 80 mg
- Acido L-glutammico 200 mg

Ringrazio in anticipo per una vostra risposta che spero di ricevere al più
presto possibile.
Mi scuso per l'insistenza ma la mia situazione vi assicuro è molto
grave

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
gentile utente
non credo proprio che si possa racchiudere tutto in una compressa,dal momento che potrebbero sussistere delle incompatibilità dal punto di vista chimico.