Utente 130XXX
gentili dottori
sono un uomo di 38 anni non fumatore nè diabetico e con regolare attività fisica (3 volte a settimana 1 ora circa di corsa lenta). nonostante ciò il mio colesterolo totale si è sempre aggirato intorno a 250 con hdl 45-50, trigliceridi pressione arteriosa e transaminasi sempre nella norma. il mio indice di rischio è sempre medio e ogni volta che ripeto le analisi mi scoraggio perchè non vedo grossi miglioramenti. preciso anche che potrei avere una influenza ereditaria dal momento che anche mia madre ha valori di colesterolo alti che cura con appositi farmaci. sarebbe il caso di preoccuparsi? e quali potrebbero essere le soluzioni prima di giungere ai farmaci? in caso di ricorso ai farmaci, ci sono soluzioni di tipo omeopatico che possono essere efficaci?
grazie in anticipo a chiunque vorrà rispondermi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Non sono in grado di poterla aiutare per quanto riguarda il quesito sui metodi omeopatici.
Posso dirle che dalla sua scheda risulta leggermente sovrappeso (BMI 25.47) e pertanto è possibile che il controllo dietologico non sia adeguato.
Il trattamento principe delle ipercolesterolemie è quello che prevede l'utilizzo delle statine, ma almeno senza la dimostrazione clinica di una ipercolesterolemia familiare esse non avrebbero indicazione e non risulterebbero a carico del SSN.
Il controllo dietologico con una dieta povera di grassi animali (formaggi, salumi, burro etc), privilegiando il pesce (possibilmente con spina evitando i crostacei)ed un ulteriore incremento della attività fisica potrebbe aiutarla a controllare i valri di colesterolo che sono comunque leggermente alti, in assenza di malattie cardiologiche e di diabete.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore innaznitutto la ringrazio per la risposta.
il mio problema è che la situazione sembra stabilizzata su quei parametri. erano quelli senza attività fisica e tali sono rimasti anche con notevoli sforzi. concordo che la mia alimentazione, anche se priva di insaccati o formaggi, è altresì pressochè priva di pesce. gradirei sapere se tra i vari fattori sia più influente quello ereditario o quello alimentare. un ultima curiosità: siccome bevo pochissimo un eventuale uso massiccio di acqua potrebbe avere effetti positivi sui valori di coletserolo? grazie ancora a chi vorrà rispondermi.