Utente 324XXX
Sono Patrizia, volevo esporla situazione di mio padre.Adesso ha 65 anni, buone le sue condizioni generali.
Nelmarzo 2007 Il psa è risultato essere 311,22, dalla biopsia eseguita su 12 campioni, mette in evidenza: 11 campioni con frammenti di lunghezza compresa tra 5 mm. E 13 mm. Estesamente infiltati da adenocarcinoma prostatico moderatamente differenziato.
Gleason score 5(3 +2), il 12°frammento,tessuto leiomuscolare esente da infiltrazione neoplastica.
La TAC torace mette in evidenza assenza di altrerazioni pleuroparenchimali polmonari di natura secondaria e di linfonodi aumentati di volume, regolari le strutture mediastiniche.
La TAC addome evidenzia fegato, milza, pancreas e surreni di regolare aspetto; vie urimarie non dilatate.
Multipli linfonodi aumentati di volume in sede para aortica iuxta e sotto renale (con diametro massimo di 2.7 cm.) con tendenza alla confluenza in un unico pacchetto. Qualche altro linfonodo intorno al centimetro si reperta in sede inter – aorto-cavale sotto renale.
Altri linfonodi intorno al centimetro si repertano lungo le catene iliache esterne di entrambi i lati. Prostata aumentata di volume (diametro massimo 6 cm.) che impronta il pavimento della vescica.
Quest’ultima è ben repleta e mostra pareti di regolare spessore.
La SCINTIGRAFIA OSSEA non ha messo in evidenzia aree di fissazione del radio farmaco osteotropo con attività ostesoblastica.
Non riconosciute immagini scintigrafiche compatibili con rimaneggiamento osseo con attività osteogenetica di natura secondaria.
Da giorno 29 marzo 2007 ha iniziato l’ormonoterapia con blocco androgenico totale con Eligard 22.5 iniezione sottocute ogni 3 mesi e casodex 50 mg. Al giorno. Ha eseguito un ciclo di 44 sedute di radioterapia ultimate a novembre 2007 e il suo PSA subito dopo il trattamento è risultato 0.07.
Ma, poi risale dopo 2 mesi a 0.27 e ad aprile 2008 e' 0.49.
Il medico ha consigliato la sostituzione del casodex 50 mg con Androcur 100 mg.
Ma ad ottobre IL PSA DI MIO PADRE E'PASSATO DA 0,49 A 0,67.E IL NOSTRO MEDICO HA DECISO DI INIZIARE LA CHEMIOTERAPIA PER OS CON ESTRACYT che ha mantenuto sino ad adesso (settembre 2009). maggio 2009 ha avuto una embolia polmonare (arteria polmonare e lobare ) con ricovero in TI. Si è risolto tutto ma continua con arixtra s.c.
A giugno ha fatto la pet e non c'è segno di diffusione della malattia.A fine settembre dopo due mesi di estracyt vi è un aumento del psa che è 4.38 contro 3.57 due mesi fa senza estracyt
L'oncologo ci ha sospeso tutti i farmaci tranne eligard. Per 3 mesi il psa scende, ma il 4° mese risale a 6.08. Ci consiglia pet con colina 11 che ha messo in evidenza solo la lesione all'area iliaca. Duemesi fa' ha iniziato la terapia con flutamide 250 mg.Il psa e' sceso solo il primo mese (da 10 a 8) ma il secondo mese e' risalito da 8 a 11.E' possibile irradiare anche la lesione iliaca visto che la prostata e' stata irradiata o creerebbe Stenosi intestinale. Cosa si puo'fare? Potrebbe fare HI FU? Graziedi cuore
[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
In merito alla lesione ossea iliaca non ci sono problemi tecnici di radioterapia, se non è stata irradiata precedentemente la pelvi: questo può verificarlo con i colleghi radioterapisti oncologi presso cui ha effettuato il trattamento.
Comunque l'irradiazione dell'osso sarebbe giustificata in caso di dolore o di rischio frattura.
[#2] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2007
GRazie per la risposta. Comunque è stata irradiata anche la pelvi e le vescichette seminali. Non ha dolore , solo stanchezza, tanta stanchezza. Desideravo sapere: potrebbe ritornare alla terapia ormonale precendente visto che si ha una ripresa chimica e non clinica? e poi qualora dovesse invece trattarsi di chemioterapia, dalla vostra esperienza, il taxotere da' risultati buoni? e per quanto tempo? mi date qualche notizia in merito ad ABIRATERONE?
Scusate ma ho paura
grazie
[#3] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2007
Gentili dottori desideravo sapere se risulta efficace la chemioterapia con taxotere nei tumori prostatici. Come agisce? ci sono molti effetti collaterali? In genere il paziente riesce a tollerare bene il trattamento trisettimanale? grazie
[#4] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Alcune fonti indicano che il taxotere è efficace nel 15-20% dei casi circa. Comunque è da utilizzare come step successivo all'evantuale fallimento delle diverse linee di trattamenti ormonali. Ne parli meglio con il suo oncologo di riferimento che conosce il caso nel dettaglio.

cordiali saluti