Utente 160XXX
buongiorno,sono una ragazza di 37 anni.
circa 8 mesi fà mi è stato diagnosticato uno stafilococco lugdunensis produttore di beta-lattamasi al seno sinistro,curato per 4 mesi con antibiotici mirati senza alcun risultato.
sono stata quindi operata e ripulita,trattata fino ad ora con lo zaffo..
adesso però il problema si è riproposto e dopo aver eseguito l'ennesimo tampone il risultato è che sono stata infettata da un nuovo tipo di stafilococco "epidermidis" ceppo meticillino resistente produttore di beta -lattamasi rm hlmup,rm sta mls.
mi viene proposta quindi una cura a base di cloramfenicolo visto che dall'anti biogramma risulta come sensibilità 8 (mi viene iniettato direttamente nella ferita) senza ottenere però risultati tangibili.
secondo i medici sono immunodepressa.
vorrei chidere un vostro parere.
vorrei sapere se può a essere a rischio anche il cuore.
grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

lei riferisce di una infezione da stafilococco al seno sinistro; può specificare in quale parte della mammella e come è iniziata l'infezione?


Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dr Corcelli l'infezione è bilaterale migrante mammgiore a sinistra iniziati con l'assunzione di contraccettivi,in seguito sospesa.oppure lampade solari o prova di indumenti intimi.Premetto che i miei capezzoli sono di natura piatti e dopo l'infezione sono diventati solo dei buchi.La sede è retroareolare e incrocio inferiori formazione ascessuale,svuotata con cultura positiva per bacteroides species e staphilo lugdunensis,ctm negativo.grazie ancora in anticipo.
[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

il suo è sicuramente un caso difficile, ma con tenacia e pazienza nella terapia antibiotica sicuramente si risolverà.

La stessa terapia antibiotica che sta facendo serve anche per porre al riparo il suo cuore, evitando proprio il rischio di una endocardite batterica.

Ci tenga al corrente, se lo desidera.
[#4] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
gentilissimo dr Corcelli la ringrazio ancora tantissimo per aver valutato il mio caso.Ora mi hanno sospeso gli antibiotici perchè sembrava che la ferita si stesse chiudendo,ma per ora è ancora aperta.La settimana prossima dovrei andare in Trentino dove c'è una beauty farm con piscina di acqua pura.Secondo lei posso usufruire di bagni,saune ecc?grazie ancora per la sua attenzione.
[#5] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
se la ferita è ancora aperta, non è prudente, secondo me, esporla all'acqua; infatti, qualsiasi acqua, anche la più pura, contiene sempre qualche germe.

Comunque, deve seguire i consigli dei medici che l'hanno in cura, i quali soltanto, conoscendo direttamente lo stato della sua ferita, possono esprimere un giudizio più preciso.
[#6] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per il suo consiglio.Domani ho un controllo,le farò sapere.I miei ringraziamenti di cuore per la sua disponibilità e professionalità.cordiali saluti.